Ci sono vantaggi dalla firma del Piano di consultazione con la Russia?

“La politica serba, e in tal senso anche la sua politica estera, si comporta secondo il noto principio: un passo avanti, due indietro. Un piccolo vantaggio per la Russia ma molto danno per la Serbia”, ha detto a Danas, Srečko Đukić, ex ambasciatore della Serbia in Bielorussia, commentando la dichiarazione dell’ambasciatore statunitense Christopher Hill secondo cui gli Stati Uniti vogliono una spiegazione dalla Serbia su ciò che è stato firmato con la Russia, mentre l’ambasciatore dell’UE in Serbia Emanuele Giaufret si aspetta che la Serbia si schieri con l’UE e imponga sanzioni alla Russia.

Djukic dice che se la politica estera russa si concentra su questo accordo essenzialmente tecnico, allora si vedono i problemi fondamentali della Russia. “Probabilmente non è necessaria una testimonianza migliore di questa per una conclusione diplomatica. Per Mosca è importante aver ricevuto un piccolo beneficio, aver sfondato il cerchio dell’isolamento mentre questo può costare alla Serbia i suoi rapporti con il cosiddetto Occidente collettivo”, sottolinea l’interlocutore di Danas. Lui osserva che è chiaro che anche questa gaffe della diplomazia serba non passerà inosservata. “Se sarà l’ultima goccia, lo vedremo”, valuta Đukić.

Mihailo Brkić, ex ambasciatore della Serbia in Kuwait e membro del Movimento “Srce Srbije” dice a Danas che i messaggi di Giaufret e Hill sono una continuazione del loro desiderio di avvicinare in qualche modo “la nostra posizione a quella dell’UE e degli Stati Uniti”. “Dato che non abbiamo imposto sanzioni alla Russia, la domanda è per quanto tempo potremo giocare in questa zona intermedia, visto che siamo sotto pressione. Questi passi possono essere più piccoli o più grandi e non possiamo prevederli in questo momento, ma lo vedremo nel prossimo futuro. In generale, il nostro percorso verso l’Unione Europea è molto rallentato, ma potrebbe esserci un ulteriore rallentamento. Tuttavia, non credo che la strada verso l’Ue si fermerà del tutto, ma in ogni caso la pressione aumenterà”, sottolinea Brkić.

Per Milovan Božilović, ex ambasciatore della Serbia in Austria, la firma dell’accordo tra Serbia e Russia – altrimenti marginale nella comunicazione diplomatica – ha molte caratteristiche di “inutile ma pericolosa provocazione nei confronti dei Paesi che condannano la Russia per la guerra in Ucraina, principalmente a causa delle circostanze in cui è stato fatto”. “Le reazioni dei Paesi occidentali sono prevedibilmente acute, e colui che ha approvato questo atto – in teoria è il governo – ha creato consapevolmente e intenzionalmente ulteriori tensioni con i Paesi occidentali. Queste intenzioni non sono chiare e sono sempre più un tipo di pericoloso esibizionismo politico, il cui sfondo resta da indovinare”, afferma Božilović.

L’ambasciatore americano a Belgrado Christopher Hill ha affermato ieri di aspettarsi una spiegazione dalla Serbia sul tipo di documento di cooperazione firmato con la Russia, dopo i colloqui alle Nazioni Unite a New York. “Nessuno firma nemmeno nulla (con la Russia). È difficile per noi capire, ma ci aspettiamo una spiegazione”, ha detto Hill. L’ambasciatore dell’Unione europea in Serbia, Emanuele Giaufret, ha invece affermato che la Serbia ha firmato un documento sulla cooperazione con la Russia “in un momento in cui l’aggressione russa contro un Paese sovrano è in corso da sette mesi e in un momento in cui la Russia ha iniziato ad attuare la decisione di mobilitare 300.000 suoi cittadini per la guerra e per minacciare l’Ucraina con l’uso di armi nucleari”. Ha detto che l’Ue “si aspetta che la Serbia sia al suo fianco in difesa dei valori europei e del diritto internazionale”.

Come annunciato dal Ministero degli Affari Esteri della Serbia, i capi della diplomazia di Serbia e Russia, Nikola Selaković e Sergey Lavrov, hanno firmato il 23 settembre a New York, a margine della 77a sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, nei locali della missione russa presso l’ONU, il Piano di consultazione dei ministeri degli Affari esteri dei due Paesi per i prossimi due anni. Il Ministero degli Affari Esteri serbo l’ha definito un “documento tecnico”.

https://www.danas.rs/vesti/politika/malo-koristi-za-rusiju-mnogo-stete-za-srbiju-bivsi-ambasadori-srbije-o-novim-pritiscima-sa-zapada/

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top