Chi sono i russi che arrivano a Belgrado dopo l’annuncio della mobilitazione parziale dato da Putin?

Nei tre aerei provenienti dalla Russia, atterrati a Belgrado la notte tra il 22 e il 23 settembre, c’erano per lo più passeggeri che affermano di aver acquistato i biglietti con settimane di anticipo, ma anche alcuni giovani che hanno prenotato il posto il giorno quando Putin ha annunciato la mobilitazione parziale in Russia a causa della guerra in Ucraina.

Molte persone avevano i biglietti acquistati con mesi di anticipo e solo pochi giovani hanno fatto le valigie all’ultimo minuto prima di decollare: si tratta di passeggeri che arrivano a Belgrado con voli diretti dalla Russia, appena un giorno dopo che nel Paese è stata dichiarata la mobilitazione parziale. L’ondata di emigrazione russa, in corso da febbraio e dall’inizio dell’invasione dell’Ucraina, ha acquisito nuovo slancio quando il 21 settembre il Presidente russo Vladimir Putin ha ordinato la prima mobilitazione dalla seconda guerra mondiale.

Sebbene il Ministero della Difesa russo affermi che il primo giorno si sono fatti avanti 10.000 volontari, c’è anche chi lascia il Paese perché non vuole partecipare alla guerra. Una parte dei russi è arrivata a Belgrado, che da febbraio è, insieme a Istanbul, l’unico collegamento aereo ininterrotto tra Russia ed Europa. “Ero in preda al panico quando è stata annunciata la mobilitazione, ho capito che dovevo fare qualcosa”, dice Kirill, 28 anni, di Mosca.

In breve tempo, ha percorso 700 chilometri dalla sua città natale a San Pietroburgo solo per imbarcarsi sull’unico volo per il quale è riuscito ad acquistare un biglietto. Dopo la notizia di una parziale mobilitazione, i voli dalla Russia verso vari Paesi sono stati rapidamente esauriti. La compagnia Air Serbia (Air Serbia), che vola verso tre città russe – Mosca, San Pietroburgo e Kazan, ha annunciato che la maggior parte dei voli di settembre sono stati esauriti “da molto tempo”.

Oltre alla Serbia, tra i Paesi che consentono ai cittadini russi di entrare senza visto ci sono Turchia, Georgia e Armenia. Il primo giorno della mobilitazione parziale c’erano speculazioni sul fatto che i riservisti potessero lasciare la Russia. Kirill dice che era preoccupato se sarebbe stato in grado di lasciare il Paese e invece l’attraversamento del confine è avvenuto senza difficoltà. “Al controllo passaporti mi hanno interrogato superficialmente, mi hanno chiesto a quale categoria di riservisti appartengo e mi hanno lasciato andare”. “Fondamentalmente, ero più in preda al panico senza ci fosse un problema”. Aggiunge che anche l’acquisto del biglietto il giorno dell’annuncio della mobilitazione ha contribuito al panico. “Attraverso alcuni contatti, mia moglie, che è già in Serbia, l’ha comprato”, dice Kirill.

Anche Sergej di Mosca è stato molto fortunato ad acquistare un biglietto per Belgrado in breve tempo. “L’ho comprato ieri sera, quasi per caso, e penso che arrivare in Serbia con un volo diretto sia equivalente a un miracolo”, ha detto l’esperto informatico di 28 anni. Coloro che non sono riusciti a ottenere i biglietti aerei si sono diretti verso i confini terrestri della Russia. I video dei social network mostrano che il 22 settembre si sono formate colonne di veicoli al confine russo-georgiano in cui, presumibilmente, funzionari del governo russo stanno cercando di lasciare il Paese. Il Cremlino afferma che le notizie di sul numero di uomini in età militare che cercano di lasciare il Paese sono esagerate. Spiegando l’approvazione del decreto sulla mobilitazione parziale, il ministro della Difesa russo, ha detto che si tratta di circa 300.000 riservisti.

https://naslovi.net/2022-09-23/bbc-news/rat-u-ukrajini-ko-su-rusi-koji-stizu-u-beograd-dan-posle-objave-o-delimicnoj-mobilizaciji/31603153

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top