Chi sono i datori di lavoro più desiderati in Serbia?

I risultati del sondaggio “Il datore di lavoro più desiderabile nel 2018”, condotto dal portale “Poslovi.Infostud” mostrano che i dieci migliori datori di lavoro e i più desiderati in Serbia sono Coca-Cola HBC-Serbia, Telenor, NIS AD, Nordeus, Microsoft Software doo, Philip Morris Services Belgrade, Telekom Serbia, EPS, Lidl e Robert Bosch Belgrado.

I partecipanti al sondaggio hanno scelto il datore di lavoro più desiderabile sulla base della loro opinione, così come hanno dichiarato che cosa rende attraente un particolare datore di lavoro, le loro aspettative salariali e il tipo di azienda per la quale vorrebbero lavorare.
Rispetto al 2016, ci sono stati alcuni cambiamenti nella lista. Quest’anno ci sono solo due imprese pubbliche e nessuna banca. Quando è stato chiesto di classificare ciò che è più importante in un datore di lavoro, il 76% dei partecipanti al sondaggio ha affermato buone relazioni interpersonali e una buona atmosfera lavorativa, rispetto al 66% del 2016. La seconda cosa più importante è come la gestione tratta i datori di lavoro, mentre lo stipendio è al terzo posto.

Le società di proprietà privata stanno diventando sempre più popolari perché quasi la metà degli intervistati ha scelto queste aziende come le più desiderabili per lavorare quest’anno. Nel 2016, questa percentuale era pari a 39%. Circa un quinto degli intervistati vorrebbe lavorare in società di proprietà statale, il che è un calo rispetto a due anni fa, quando società pubbliche rappresentavano la prima scelta per il 27% di intervistati.

C’è anche un calo di interesse nel lavoro in società private serbe, nel 2016 il 17% degli intervistati ha affermato che vorrebbe lavorare per loro rispetto al 14% di quest’anno. Questi risultati rappresentano un cambiamento significativo rispetto al 2012, quando in un sondaggio simile, la maggior parte dei partecipanti ha optato per lavorare in aziende statali (quasi due quinti), e solo il 27% ha scelto una società privata con un capitale prevalentemente straniero.

I risultati del sondaggio mostrano anche che, due anni fa, lo stipendio medio desiderato era di 72.366 dinari, mentre quest’anno il salario medio desiderato è 80.000 dinari. Questo è in qualche modo previsto, dati i dati ufficiali, che registrano anche la crescita del salario netto medio nel paese (nel 2018, 50.048 RSD, e nel 2016, 46.097 RSD). Quest’anno, le donne desiderano un salario inferiore (circa 70.000 dinari), rispetto agli uomini il cui salario richiesto è di circa 88.800 dinari. I partecipanti al sondaggio con studi post-laurea completati desiderano uno stipendio medio di oltre 100.000 dinari, mentre quelli con un’istruzione scolastica elementare prevedono uno stipendio medio di circa 47.000 dinari. I partecipanti con  scuola secondaria completa (che rappresentano la percentuale più alta della popolazione attiva) si aspetta uno stipendio di 58.000 dinari.

Quattro di cinque partecipanti al sondaggio sta considerando l’idea di lasciare i loro attuali datori di lavoro, e solo un quinto di loro non ha alcuna intenzione immediata di andarsene. Rispetto al precedente sondaggio del 2016, il numero di coloro che desiderano cambiare lavoro è passato dal 73% all’81%. I dipendenti che hanno lavorato per lo stesso datore di lavoro tra 5 e 10 anni sono i più vogliosi a cambiare lavoro, mentre quelli che hanno lavorato per lo stesso datore di lavoro meno di un anno sono meno propensi a cambiare lavoro. Inoltre, i dipendenti delle aziende statali, nell’85% dei casi, stanno pensando di cambiare lavoro, mentre ci sono molti meno dipendenti che lavorano in aziende private di proprietà straniera che sono disposte a lasciare il proprio datore di lavoro (circa il 65%).

L’indagine è stata condotta nel periodo tra gennaio e marzo 2018 con un numero totale  di 10.157 di intervistati.

(http://www.bizlife.rs/posao/evo-ko-su-najpozeljniji-poslodavci-u-srbiji/)

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top