Chi nomina il presidente della FSS: Vučić, Čeferin, l’Assemblea della FSS o Vidić nomina se stesso?

Fonti non ufficiali hanno confermato che il presidente serbo Aleksandar Vučić e Aleksandar Čeferin, attuale presidente della UEFA, hanno discusso venerdì la possibilità che il famoso calciatore Nemanja Vidić diventi il nuovo presidente della Federcalcio della Serbia (FSS).

Sfortunatamente, possiamo avere una conferma formale di questa informazione solo in un modo: se Nemanja Vidić diventerà davvero il nuovo presidente della FSS. E questo significherebbe un nuovo declino, non solo per il calcio serbo, ma anche per la UEFA come organizzazione la cui autorità è stata minata per molto tempo, cioè da quando l’ex presidente UEFA Michel Platini è stato oggetto di un’indagine per la corruzione.

Partiamo dal presupposto che, essendo originario della Slovenia e conoscendo bene la regione e le persone che vi abitano, il presidente della UEFA capisce chi decide su tutto in Serbia, compreso il primo uomo della FSS.

Platini era solito “comprare” i voti dei membri orientali dell’UEAFA in modo facile – attraverso club di seconda categoria che stavano per raggiungere la Champions League e donazioni e manipolazioni consentite riguardo ai fondi che la UEFA assegnava alle varie federazioni per le infrastrutture. Čeferin potrebbe ora ottenere il voto dei serbi promettendo di organizzare le finali di Europa League o forse anche di Champions League nello Stadio Nazionale in Serbia, una volta costruito.

Lo sloveno, ovviamente, non dovrebbe permettersi di annunciare di aver parlato con il presidente di un Paese di soluzioni per il personale della federazione locale, perché ciò violerebbe le rigide regole della FIFA e dell’UEFA, secondo le quali i politici non solo non possono ricoprire incarichi negli organismi calcistici, ma non devono nemmeno interferire in alcun modo con le risorse umane.

La logica vorrebbe piuttosto che Čeferin abbia attirato l’attenzione di Vučić sul fatto che non sarebbe saggio nominare Branislav Nedimović (l’ex ministro dell’Agricoltura serbo) a questa posizione a causa dei suoi evidenti legami con il Partito Progressivo Serbo (SNS) al potere e che la UEFA non chiuderà un occhio su questa interferenza politica.

Tuttavia, dal momento che né Čeferin né la UEFA hanno avuto nulla da dire sulla situazione caotica della FSS che si trascina da anni, se non una blanda critica sugli errori procedurali durante la nomina di Nenad Bjeković a presidente ad interim della FSS, è difficile credere che lo sloveno abbia il coraggio di dire al presidente serbo cosa pensa veramente della situazione e delle soluzioni per il personale della FSS.

È più probabile che Čeferin abbia chiesto a Vučić solo il suo sostegno per la candidatura presidenziale di Čeferin, indipendentemente da chi sarà nominato alla guida della FSS.

Anche se Vučić e Čeferin prendessero davvero in considerazione Nemanja Vidić come nuovo presidente della FSS, ciò sarebbe realisticamente dannoso per la nostra leggenda del calcio. Ha davvero bisogno di essere associato ai poteri politici dominanti per far parte della FSS, che è gestita da un unico centro?

(Danas, 17.01.2023)

https://www.danas.rs/sport/ko-bira-predsednika-fss-vucic-ceferin-skupstina-fss-ili-vidic-sam-sebe-imenuje/

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top