Chi controlla i media in Serbia?: l’indagine di BIRN e RSF

L’influenza della politica e la concentrazione di potere distorcono il mercato serbo dei media.

La conseguente mancanza di pluralità può essere rilevata nel caso di Televisione e Radio, ma anche nell’ambito della stampa: questo è uno dei risultati della ricerca investigativa durata tre mesi che BIRN e Reporters Without Borders hanno condotto congiuntamente.

I risultati del progetto di indagine “Media Ownership Monitor Serbia”, presentati a Belgrado, hanno fatto luce sul mercato mediatico serbo, spiegando chi possiede e, in ultima analisi, controlla i mezzi di comunicazione serbi.

I risultati del progetto sono accessibili in serbo e in inglese su serbia.mom-rsf.org: il sito offre informazioni complete sul paesaggio multimediale del paese, nonché un database di grandi mezzi di comunicazione, aziende e loro proprietari al grande pubblico.

“MOM ci ha consentito di individuare le debolezze del settore, che in Serbia sono economicamente affamati e quindi vulnerabili all’influenza politica”, ha dichiarato Nafisa Hasanova, responsabile RSF per il progetto MOM in Serbia. Tanja Maksic, Coordinatrice del Programma di BIRN, ritiene che “la nostra ricerca ha mostrato una grande discrepanza tra i media nazionali e locali. Laddove i media nazionali ricevono tutta l’attenzione e il profitto, quelli locali – più di mille – rimangono sotto-regolamentati, sottofinanziati e soggetti a pratiche illecite, proprietà e accordi non transparenti in generale”.

CONCENTRAZIONE DEI MEDIA

Il Media Ownership Monitor ha rivelato che il mercato mediatico in Serbia è altamente concentrato. I primi quattro proprietari del mercato televisivo serbo, uno dei quali è Public Broadcasting Service (PBS), raggiungono un pubblico di quasi due terzi degli spettatori (62%). Una pressione altrettanto elevata può essere osservata nella stampa, dove i primi quattro proprietari (Ringier Axel Springer Media AG, Adria Media Group, Insajder Tim e Kompanija Novosti) hanno una quota di mercato del 63%. In radio, ancora più della metà del pubblico (51%) è distribuita tra i quattro leader del mercato: S Media Team, Maxim Media Group, Public Broadcasting Service e Antenna Group. Questo pone a rischio elevato il pluralismo dei media nel paese.

La ricerca ha anche rivelato un elevato livello di concentrazione cross-mediale dei settori audiovisivi, stampati e online. Con quote di pubblico elevate attraverso TV, radio e on-line, il Public Public Broadcaster, di proprietà statale, si configura quale leader, seguito da Pink, Antenna Group, S Media Team e Maxim Media quali più forti attori commerciali privati nel settore dei media elettronici. Tuttavia, in Serbia la proprietà cross-mediale rimane distinta tra settore audiovisivo e stampa. Non esiste un’unica società attiva in tutti e quattro i media. I maggiori proprietari di centri televisivi tendono ad avere anche postazioni radio, mentre gli editori della stampa tendono ad avere edizioni online. In stampa e sul web, dominano Ringier Axel Springer Media, Adria Media e Insajder Tim (editore di Informer).

FORTE INFLUENZA DELLO STATO

Il mercato mediatico serbo è piccolo e saturo, con i media che lavorano subendo una forte pressione economica. Sono stati registrati più di 1.600 media dall’Agenzia serba del Registro delle imprese (SBRA), anche se, a causa di un sistema mediatico poco regolato, il numero esatto di società attive registrate rimane sconosciuto. Le due emittenti pubbliche (RTS con copertura nazionale e RTV con copertura regionale) ricevono la maggior parte dei loro ricavi dal bilancio statale. Oltre a ciò, competono con altri mezzi di comunicazione per le azioni sul mercato della pubblicità, il cui valore, secondo Nielsen, è stato pari a 174 milioni di euro nel 2016. Questo non può assicurare la sopravvivenza economica di tutti i mezzi di comunicazione attualmente attivi.

A causa della permanente mancanza di capitale, lo Stato ha ancora un ruolo e un impatto significativo sul mercato: controlla i media attraverso la proprietà, ma soprattutto attraverso diversi modelli di finanziamenti statali. I fondi pubblici sono distribuiti arbitrariamente e in modo non trasparente, di solito a favore di centri dei mezzi di comunicazione pro-governo, senza criteri chiari e misurabili, controlli pubblici e valutazioni.

Per anni lo Stato, attraverso i suoi ministeri e le imprese pubbliche, è stato anche il più grande inserzionista del paese. Inoltre, esercita pressioni sul mercato dei media attraverso un’applicazione selettiva delle leggi fiscali: mentre i conti bancari di un giornale critico del governo possono essere bloccati a causa delle “imposte sul reddito non retribuite”, un altro servizio può rimanere intatto, nonostante milioni di euro di tasse non pagate. L’importo totale degli aiuti di Stato sul mercato e il bilancio statale per la pubblicità sono sconosciuti al pubblico, ma solo il 20% dei finanziamenti statali ai media è assegnato attraverso processi competitivi.

La dipendenza dai finanziamenti statali rende la maggior parte dei mezzi di comunicazione piuttosto propagandisti del partito di governo che fornitori obiettivi e imparziali di informazioni per i cittadini. Ciò è diventato visibile durante le elezioni presidenziali dell’aprile del 2017, quando ad Aleksandar Vucic – sia primo ministro che candidato presidenziale all’epoca – è stato concesso un tempo di trasmissione sulle emittenti nazionali dieci volte superiore rispetto a tutti gli altri candidati. Articoli critici sulla politica governativa si trovano principalmente nei media online e nei centri investigativi come il Centro per il Giornalismo investigativo Serbia (CINS), la rete di segnalazione di crimini e corruzione (KRIK), BIRN e i siti di notizie Istinomer, Insajder, Cenzolovka, Juzne vesti e Voice.

NESSUNA TRASPARENZA DOPO LA PRIVATIZZAZIONE

In un processo di privatizzazione iniziato nel 2015, lo Stato avrebbe dovuto concedere la proprietà di 75 media. Fino ad oggi, meno della metà di essi sono stati privatizzati, anche se il processo di privatizzazione è formalmente terminato. Solo 34 ex mezzi di comunicazione pubblici sono stati venduti, mentre molti altri sono stati chiusi lasciando più di 1000 giornalisti senza lavoro. La privatizzazione ha dato origine alla concentrazione della proprietà a livello locale, con gli imprenditori che acquistano diverse società in una volta in alcune regioni, come nel caso dell’imprenditore Radoica Milosavljevic e della Copernicus Cable Network, entrambi vicini al partito SNS.

Nel campione di 48 media, indagato da BIRN e Reporters Without Borders, sette avevano strutture di proprietà non transparenti. Particolarmente due dei maggiori quotidiani – Vecernje Novosti e Politika – hanno strutture di proprietà non risolte e opache e sono effettivamente guidati dallo Stato. Per la maggior parte dei media e delle società collegate, i dati relativi alla proprietà sono almeno accessibili al pubblico presso l’Agenzia Sindacale del Registro delle Imprese (SBRA) e altri registri pubblici. Gran parte del punteggio di trasparenza va ai media pubblici PBS, legalmente obbligati a pubblicare dettagliatamente la propria proprietà in modo proattivo e completo. Tuttavia, il mantenimento dei dati e i dati disponibili di pubblico dominio potrebbero migliorare ulteriormente, in particolare, tramite il registro gestito da SBRA, dove i dati disponibili sono incompleti e obsoleti.

CONCENTRAZIONE MEDIA LOCALE SOTTO IL RADAR

I media sono regolati da leggi ben formulate e specifiche per il settore dei mezzi di comunicazione, ad eccezione dei media online. Tuttavia, l’applicazione di questi regolamenti rimane problematica. La soglia per la concentrazione è piuttosto alta. Numerose concentrazioni locali, influenzando il pluralismo e la concorrenza del mercato equo, rimangono quindi sotto il radar e fuori dal pubblico. I media locali e regionali non raggiungono appena l’1% della quota di pubblico, e molti di essi, se combinati in una struttura di proprietà, non sono rientrano nella concentrazione in termini giuridici, ma di fatto trasformano il panorama informativo locale.

MEDIA OWNERSHIP MONITOR: UN PROGETTO DI RICERCA GLOBALE

Avviato da Reporters Without Borders (RSF), il progetto Media Ownership Monitor rappresenta uno sforzo globale di ricerca e sostegno per promuovere la trasparenza e il pluralismo dei media a livello internazionale. In Serbia, è stato condotto in collaborazione con la rete Balkan Investigative Reporting Network (BIRN), nel periodo compreso da aprile a giugno 2017. Il campione esaminato include 48 media: 11 stazioni televisive, 10 radiofoniche, 15 edizioni in stampa e 12 servizi online.

Il partner di RSF, BIRN, è una rete di organizzazioni non governative locali che promuovono la libertà di espressione, i diritti umani e i valori democratici. Attraverso servizi di alta qualità e creando un pool di giornalisti qualificati, BIRN esamina e analizza i processi chiave, affronta i dibattiti e fornisce al pubblico informazioni impareggiabili e affidabili. La rete BIRN inoltre monitora e promuove la trasparenza e la responsabilità delle istituzioni pubbliche e consente ai cittadini di influenzare i decisori.

Il progetto è finanziato dal governo tedesco. Studi sono stati condotti e pubblicati in Colombia, Cambogia, Tunisia, Turchia, Ucraina, Perù, Filippine e Mongolia. Oltre alla Serbia, quest’anno, MOM esamina i mercati mediatici in Ghana, Brasile, Pakistan e Marocco. Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito web di MOM: http://www.mom-rsf.org

(Reporters Without Borders, 21.06.2017)

https://rsf.org/en/news/who-owns-media-serbia 

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... liberta d`espressione, media, privatizzazione, RTS
privatizzazione PKB
PKB: passo avanti nel processo di privatizzazione

Società straniere interessate all’acquisizione di aziende petrolchimiche serbe

Chiudi