Chi c’è dentro il Consiglio di amministrazione della “Telekom”?

Il Consiglio di Sorveglianza della “Telekom”, che ha il compito di controllare le operazioni di questa società, una delle più grandi in Serbia e di cui uno dei principali proprietari è lo Stato, ha recentemente approvato l’accordo tra “Telekom” e “Telenor”, che molti esperti di media hanno valutato come una sorta di pressione politica sulla concorrenza.

Secondo loro, il governo ha escogitato un modo per cercare di distruggere i media liberi in Serbia con l’aiuto di “Telekom”. “Telekom” unirà le forze con “Telenor”, del magnate ceco Petr Kellner, al fine di ridurre la quota di mercato della società “SBB” al di sotto del 30% e impedendo il finanziamento di media come “N1, Nova S, Sport Klub”. E mentre il governo giura pubblicamente sui valori europei, sta cercando in ogni modo di impedire l’esistenza di media liberi, questa volta attraverso la distruzione di una società privata.

I nomi nel consiglio di amministrazione di “Telekom” sono legati al Partito progressivo serbo e giustificano ulteriormente le preoccupazioni e motivazioni che spingerebbero “SBB e United Group” fuori dal mercato.

Il primo nome nell’elenco del Consiglio di amministrazione della “Telekom” è Jana Ljubičić. La direttrice esecutiva ha uno stipendio di 316.000 dinari. Tuttavia, questo è solo uno dei suoi lavori, lo stipendio lo riceve anche come membro del “RIK” per il Partito progressivo serbo e come membro del Consiglio principale dei progressisti; nel 2019 è stata anche presidente della Commissione elettorale municipale di Zemun.

Oltre alla Ljubicic, il Consiglio esecutivo della “Telekom” include il professor Milenko Dzeletovic, fondatore e ideatore del programma economico del Partito progressivo serbo. Attualmente ricopre la carica di direttore finanziario della “Telekom”, ma anche quella di presidente del Consiglio economico del partito “SNS”. Tempo fa era stato coinvolto in numerosi scandali legati a questa compagnia statale e ad altre persone della scena politica serba, ricorda “Nova.rs”.

Poi c’è anche il famoso Drasko Markovic, uno dei direttori di “Telekom”, ormai noto come colui che non esita ad attaccare le donne, soprattutto dell’opposizione. Nell’agosto dello scorso anno, Markovic ha attaccato Marinika Tepic, vice presidente del Partito Libertà e Giustizia, e le ha tolto il microfono durante una conferenza stampa impedendole di continuare la sua presentazione.

Montatore di professione, successivamente è riuscito a “mascherare” un diploma presso la facoltà privata “FABUS” con un master della Facoltà di scienze dell’organizzazione.

Markovic è stato, automaticamente, tramite la “Telekom”, anche membro del consiglio di “SD Crvena Zvezda”. Date le sue numerose funzioni e privilegi, i media indipendenti una volta hanno concluso che è molto strano quanto modeste siano le sue proprietà apparse sul sito web dell’Agenzia anticorruzione.

Un tempo grande radicale, ora progressista, ha “fatto il suo debutto” nel 1994, battendo il presidente dell’Assemblea della SRJ, Radoman Božović. Da allora, Markovic è quasi scomparso e si sa poco dei dettagli della sua biografia. Tuttavia, ciò che è certo nel personaggio è l’eccezionale umiltà e servilismo verso i più alti gradi della gerarchia, nonché l’arroganza verso i subordinati.

Ko su ljudi povezani sa SNS-om u Izvršnom odboru Telekoma

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... sbb, SNS, Telekom
“Telekom” e “Telenor” insieme per controllare i media?

Più cittadini contro Vučić che per un voto all’opposizione

Chiudi