Chepurin: l’adesione della Serbia all’UE deteriorerà i rapporti con la Russia

L’Ambasciatore della Russia in Serbia, Alexander Chepurin, ha dichiarato, lunedì 17 ottobre, che le relazioni economiche bilaterali tra Serbia e Russia potrebbero subire notevoli cambiamenti con l’adesione della Serbia all’Unione Europea.

Presente all’apertura del vertice economico a Belgrado, l’Ambasciatore ha chiesto di avviare un dialogo su come ridurre l’impatto e le conseguenza che il processo di integrazione europea potrebbe comportare, soprattutto in relazione al regime di libero scambio, considerando che l’Unione Europea rappresenta uno spazio economico unificato che impedisce agli stati membri di stringere relazioni economiche particolari o di far parte di zone di libero scambio con paesi terzi. Dopo l’adesione della Serbia alla UE la zona di libero scambio tra Serbia e Russia e le relazioni tra Serbia e Unione Economica eurasiatica potrebbero cessare di esistere: “ciò determinerà un deterioramento delle rotte commerciali stabilite e la perdita delle relazioni tra le imprese dei due Paesi”, ha specificato Chepurin.

Una delle conseguenza di questo deterioramento potrebbe essere costituita dall’incremento del costo delle esportazioni per entrambe le parti, venendo a mancare il regime di libero scambio attualmente attivo per molti prodotti. L’Ambasciatore ha aggiunto che la Serbia dovrebbe allora aderire alla politica commerciale estera unitaria degli Stati membri: “resta da vedere quanto Belgrado riuscirà ad essere influente nel plasmare le linee della politica estera dell’UE. Al momento la politica è dettata da paesi piccoli, ma estremamente aggressivi, i quali sostengono una politica affatto differente da quella della Serbia”. Inoltre, il processo di adesione potrebbe avere influenze sulla cooperazione nel settore dell’energia.

La Russia è consapevole di quanto la leadership serba si sia impegnata finora a preservare relazioni amichevoli in tutti i settori: “evidentemente è necessario comprendere quali modifiche apportare al quadro giuridico per garantire il buono stato della cooperazione tra i nostri due paesi, ed il meccanismo da adottare potrebbe essere bilaterale e includere esperti europei”. Chepurin considera logico che tali negoziati si svolgano parallelamente ai negoziati di pre-adesione tra Serbia e UE, e attraverso l’auspicabile costituzione di nuovi meccanismi di cooperazione tra Russia e Serbia.

(eKapija, 18.10.2016)

http://www.ekapija.com/website/en/page/1573171/CHEPURIN-Serbia-s-EU-accession-will-negatively-impact-economic-relations-with-Russia

Share this post

scroll to top
Altro... adesione UE, esportazioni, libero scambio
Vertice economico a Belgrado: sviluppo e sfide a livello globale

Road map per la UE: vertice economico a Belgrado il 17 e 18 ottobre

Chiudi