Che cosa significa per le imprese la nuova legge doganale

La nuova legge doganale è quanto più possibile armonizzata con la legge doganale dell’UE (Codice doganale dell’Unione – CDU), che ha creato una precondizione per la creazione di un quadro giuridico per l’introduzione di sistemi automatizzati di importazione / esportazione e decisioni doganali. La legge prevede un livello più elevato di protezione dei diritti della parte nella procedura, termini più brevi per l’autorità doganale e proroga dei termini in determinate situazioni, il che significa che il vantaggio principale è fornire maggiore sicurezza giuridica, prevedibilità e uniformità delle azioni. Il passaggio al digitale e all’ambiente elettronico consente inoltre attività doganali più efficienti in conformità con le esigenze moderne.

La domanda per il rilascio dello status di OEA (Operatore Economico Autorizzato) è presentata per iscritto all’Amministrazione delle dogane, Dipartimento per gli enti commerciali autorizzati e le procedure doganali semplificate, sul modulo di cui all’allegato 4 del regolamento sulle procedure doganali e le formalità doganali. Dopo aver accettato la richiesta, viene costituita una Commissione per verificare il rispetto dei criteri e delle condizioni per il rilascio delle approvazioni OEA.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Alcuni dei criteri che un ente commerciale dovrebbe soddisfare sono: l’assenza di qualsiasi grave violazione o ripetute violazioni delle normative doganali e fiscali, inclusa l’assenza di reati legati all’attività economica del richiedente; possesso di un elevato livello di controllo sulle attività e sul flusso delle merci da parte del richiedente, attraverso una tenuta soddisfacente dei registri aziendali e, se necessario, dei registri sul trasporto delle merci, che consente adeguati controlli doganali; liquidità finanziaria, che si considera comprovata se il richiedente ha una buona condizione finanziaria che gli consenta di far fronte ai propri obblighi, data l’attività svolta, nonché adeguati standard di sicurezza e protezione.

La concessione dello status a entità economiche comporta numerosi vantaggi, affermano nell’amministrazione doganale.

La cosa più importante è sicuramente che i titolari di questo status sono soggetti a minori controlli fisici e documentali rispetto ad altri soggetti economici, così come che i controlli sono eseguiti secondo la procedura prioritaria, e su richiesta possono essere eseguiti altrove, non dove la merce deve essere consegnare alla dogana.

Le innovazioni apportate dall’attuale diritto doganale sono importanti per la comunità imprenditoriale:

• l’autorità doganale e gli operatori economici possono scambiarsi informazioni non specificamente richieste ai sensi della normativa doganale, in particolare ai fini della reciproca cooperazione nell’individuazione e nell’azione di riduzione del rischio;

• l’autorizzazione al regime di perfezionamento attivo può essere rilasciata senza obbligo di riesportazione della merce;

• sono state abolite le procedure doganali di trasformazione sotto controllo doganale e di perfezionamento attivo nel sistema di restituzione;

• l’immissione di merci in zone franche è diventata una procedura doganale speciale;

• proroga da 20 a 90 giorni del termine per la custodia temporanea delle merci;

• prescrive il periodo totale durante il quale le merci possono rimanere per 10 anni in regime di ammissione temporanea;

• introduce semplificazioni relative all’iscrizione nelle scritture del dichiarante, sdoganamento centralizzato delle merci e autovalutazione;

• viene fornita una garanzia obbligatoria per coprire i debiti potenziali ed effettivi per la maggior parte delle procedure doganali;

• abbrevia il termine per la notifica al debitore dal giorno in cui è sorta l’obbligazione doganale (3 anni contro i 5 anni della legge precedente). Dopo la scadenza di tale termine, l’obbligazione doganale non viene notificata al debitore;

• introduce facilitazioni di pagamento, oltre al pagamento differito;

• introduce nuovi istituti – errori delle autorità competenti ed equità (nel qual caso l’importo dei dazi all’importazione / esportazione viene restituito o svincolato);

• modifica in termini di competenza dell’organo ad agire sui ricorsi contro la decisione di primo grado – l’organo di secondo grado è ora all’interno del Ministero delle Finanze.

https://www.ekapija.com/news/3068188/sta-novo-carinski-zakon-donosi-privredi

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top