Che cosa serve per avere elezioni democratiche in Serbia?

In occasione del 30° anniversario dalle prime elezioni multipartitiche, e a meno di un anno e mezzo dalle presidenziali, nonché dalle elezioni parlamentari anticipate annunciate, il Centro per la ricerca, la trasparenza e la responsabilità (Crta) ha presentato una proposta di cinque modifiche chiave necessarie affinché le elezioni in Serbia diventino, non solo formalmente, ma anche effettivamente, democratiche.

La democrazia in Serbia è nella più profonda crisi istituzionale degli ultimi due decenni dopo le elezioni parlamentari del 2020, e il capo della missione di osservazione del Centro, Rasa Nedeljkov, ha valutato che il governo ha finora adottato selettivamente quelle raccomandazioni che, per la loro portata, non possono risolvere i problemi essenziali del processo elettorale.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

“Crta crede che i cambiamenti chiave debbano avvenire attraverso una maggiore uguaglianza dei partecipanti e una rappresentanza dei media più equa, garantendo libertà di scelta, protezione dei diritti di voto e un’amministrazione elettorale professionale che preservi l’integrità del processo elettorale”, ha detto la Nedeljkov.

La condizione per avere elezioni eque è che i partecipanti alla campagna elettorale corrano da posizioni approssimativamente uguali e, per ottenere ciò, è necessario garantire l’uguaglianza dei partecipanti al processo di candidatura, prevenire abusi nel finanziamento della campagna elettorale e un uso improprio delle risorse pubbliche.

“Per avere elezioni eque è necessaria una uguale rappresentanza nei media poiché gli elettori devono avere la libertà, ma anche l’opportunità di formarsi un’opinione sui partecipanti alle elezioni”, ha aggiunto il comunicato.

È inoltre necessario garantire costantemente una rappresentanza non discriminatoria nei media elettronici, servizi pubblici e televisione commerciale a frequenza nazionale, in tutti i segmenti dei programmi, non solo pre-elettorali, nonché la possibilità di avere uguale pubblicità, e definire chiaramente gli obblighi dell’Organismo di Vigilanza per i Media Elettronici (REM), introducendo meccanismi chiari per selezionare e determinare le responsabilità del Consiglio del “REM”.

“Affinché le elezioni siano libere, è necessario prevenire le pressioni sugli elettori e garantire la loro libertà di scelta, prevenendo prima le pressioni sui dipendenti delle aziende pubbliche e della pubblica amministrazione, e garantire un ruolo più attivo della Procura della Repubblica nel processo elettorale. È inoltre necessario garantire la parità di diritto di voto a tutte le categorie di elettori e aggiornare e verificare la lista degli elettori”.

Libere elezioni implicano che il diritto di voto non può solo essere “annunciato” ma deve venir anche protetto poi nella pratica, motivo per cui è necessario fissare scadenze legali che consentano una protezione efficace dei diritti elettorali e ampliare i poteri dell’amministrazione elettorale nella protezione di questi diritti.

“Šta je potrebno da izbori u Srbiji ne budu samo formalno demokratski?”

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top