Presidenziali: il CeSID conferma la vittoria di Vucic. Non ci sarà un secondo turno

Il Primo Ministro serbo Aleksandar Vucic ha rivendicato la vittoria delle elezioni presidenziali. Rivolgendosi ai suoi sostenitori, riuniti presso la sede del partito di cui è leader nella notte di domenica, Vucic ha dichiarato: “Questo è un giorno molto importante per noi, che mostra in che modo la Serbia dovrebbe essere guidata”.

Nel corso della conferenza stampa tenutasi presso la sede del Partito Progressista, attualmente al potere in Serbia, Aleksandar Vucic si è detto orgoglioso del sostegno ricevuto e convinto che i risultati delle elezioni presidenziali hanno mostrato in quale direzione la Serbia intende andare.

“E’ importante che la vittoria sia stata limpida come una lacrima. Ho ottenuto il 12% di voti in più rispetto a quelli di tutti gli altri candidati insieme. Quando raggiungi risultati come questo, non c’è instabilità – la Serbia è forte e sarà ancora più forte”, ha annunciato Vucic, aggiungendo che il nuovo governo sarà formato in circa due mesi.

Secondo Djordje Vukovic del CESID, uno degli osservatori ufficiali delle elezioni presidenziali, Aleksandar Vucic ha vinto le elezioni presidenziali e non ci sarà il secondo turno. “Le percentuali possono cambiare, ma di pochissimo, forse in un range dall’1,5% al 2% dei voti”, ha confermato Vukovic.

Vukovic sottolinea che la vittoria di Vucic si basa sulle proiezioni preliminari del CESID, ma aggiunge che è praticamente impossibile per i risultati cambino in modo tale da compromettere tale verdetto.

Gli ultimi risultati diffusi dal CESID mostrano che Vucic si è aggiudicato il 55,8% dei voti. A seguire Sasa Jankovic, secondo con il 15,5%. Ljubisa Preletacevic Beli, con il 9,6% dei voti, risulta terzo, superando così il candidato alla presidenza dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, Vuk Jeremic, che ha ottenuto il 5,7%. Il leader del partito di destra radicale serbo, Vojislav Seselj, si posiziona quarto nelle preferenze degli elettori, con il 4,4% dei voti.

I candidati che hanno ottenuto il minor numero di voti sono Sasa Radulovic (1,4%), Aleksandar Popovic (1,2%), Nenad Canak (1,2%), Milan Stamatovic (1,2%), e Miroslav Parovic (0,3%).

Sasa Jankovic, candidato indipendente senza partito, si è dichiarato soddisfatto per lo svolgimento della sua campagna, che ha contribuito a galvanizzare il movimento pro-democratico in Serbia, a lungo sofferente a causa della persistente corruzione e della crescente autocrazia. “In Serbia, è stato creato un nuovo ed onesto movimento politico, e questo è il motivo per cui dovremmo essere ottimisti”, ha affermato Jankovic, dopo essersi recato alle urne per esprimere il proprio voto.

“La vittoria di Vucic al primo turno contribuisce a dare una spinta verso uno stile più autoritario”, sostiene Bosko Jaksic, analista indipendente di politica estera presso il New Policy Center di Belgrado. “Vucic può percepire questo trionfo come un referendum sul suo governo, e come un segnale per avere mano libera per portare avanti la sua politica negli affari esteri e nazionali”.

Secondo il Centro per la Trasparenza e la ricerca (CRTA), non sono state rilevate gravi irregolarità nel corso delle elezioni presidenziali.

Il CRTA ha riportato irregolarità nel 3% dei seggi elettorali, compresi i casi in cui le commissioni elettorali non hanno controllato i documenti personali degli elettori, non sono riuscite a controllare se un elettore aveva già espresso il proprio voto, e non sono riuscite a segnare le dita degli elettori con l’inchiostro speciale per garantire il voto esclusivo.

A Leskovac, la polizia è intervenuta quando un attivista ha fisicamente attaccato il capo del consiglio elettorale, così come a Pancevo, dove membri di gruppi estremisti si sono riuniti di fronte ad uno dei seggi elettorali.
 
Il CRTA ha inoltre osservato che a Zajecar, Knjazevac e Ali Bunar, stazioni di polizia sono state aperte con urgenza per risolvere disguidi degli elettori relativi ai documenti di identità validi per il voto.

Ad Ali Bunar, un gruppo di 50 persone si è recato presso le stazioni di polizia per ottenere certificati. In tre casi, due a Leskovac e uno a Novi Sad, gli osservatori hanno scoperto che gli elettori non sono stati in grado di presentare la scheda elettorale perché qualcuno aveva già votato al posto loro. In cinque comuni e città, gli osservatori hanno rilevato la presenza di persone intente a raccogliere informazioni su chi si era recato a votare.

CRTA ha depositato tre accuse legate alla sospetta compravendita di voti nei piccoli centri della Vojvodina, Temerin, Beocin e Slana Bara.
 
“Tutti questi incidenti sono casi isolati, che non rappresentano una tendenza che potrebbe mettere in pericolo la regolarità del processo elettorale”, ha comunicato il CRTA.

Il numero di persone aventi diritto al voto era 6.724.949. Gli elettori potevano votare presso 8.523 seggi elettorali.

La votazione ha avuto luogo inoltre in 90 seggi elettorali in Kosovo e presso 53 seggi elettorali in 23 altri paesi stranieri. L’OSCE riferisce che l’affluenza preliminare è stata pari al 38.68%, e che preparativi sono in corso per il trasporto delle schede elettorali a Raska e Vranje.

53 seggi supplementari sono stati situati all’estero per i 11.590 cittadini serbi registrati. La votazione ha avuto luogo sabato in Gran Bretagna, Canada e Stati Uniti.

Circa 1.955 osservatori locali e 126 stranieri hanno monitorato lo svolgimento delle elezioni.

(Blic, B92, Balkan Insight, Associated Press, Breaking News, Bloomberg, 02.04.2017)

http://www.blic.rs/vesti/politika/cesid-gotovo-je-drugog-kruga-nema-predsednik-je-aleksandar-vucic/yl5b69h

http://www.b92.net/eng/news/politics.php?yyyy=2017&mm=04&dd=02&nav_id=100918

http://www.balkaninsight.com/en/article/vucic-wins-serbian-presidential-elections-04-02-2017-1#sthash.Ra9DR65M.dpuf

http://www.balkaninsight.com/en/article/live-serbia-presidential-elections-2016-03-08-2017

http://hosted.ap.org/dynamic/stories/E/EU_SERBIA_PRESIDENTIAL_ELECTION_THE_LATEST?SITE=AP&SECTION=HOME&TEMPLATE=DEFAULT&CTIME=2017-04-02-16-42-20

http://www.breakingnews.ie/world/serbias-pm-aleksander-vucic-declares-victory-in-presidential-election-784170.html

https://www.bloomberg.com/politics/articles/2017-04-02/putin-ally-in-serbia-wins-presidential-vote-sample-count-shows

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top