CEFTA, dieci anni di libero scambio in Europa centrale: il bilancio

Sono trascorsi dieci anni da quando i sedici paesi in Oriente e Sud-Est Europa hanno concluso l’Accordo di libero scambio per l’Europa centrale (CEFTA): quanto è stata di beneficio la formazione di una zona di libero scambio, a seguito della conclusione del contratto, per i paesi dei Balcani occidentali, e la Serbia in particolare?

I numeri mostrano che sono stati diversi i vantaggi che l’economia serba ha tratto dal CEFTA. Per esempio, la Bosnia-Erzegovina importa più merci dalla Serbia che dagli Stati Uniti, Russia e Cina insieme. Nel 2016, i paesi CEFTA hanno esportato per lo più bevande non alcoliche, derivati del petrolio greggio e prodotti a base di grano, mentre la maggior parte di essi ha importato acciaio, carbone e farmaci.

“Il commercio tra i paesi CEFTA è raddoppiato, mentre le esportazioni verso l’Unione europea sono aumentate di 3,6 volte. I paesi CEFTA rappresentano anche il secondo più grande partner commerciale estero in Serbia, dopo l’Unione europea”, ha comunicato il Ministro serbo del commercio e delle telecomunicazioni, Rasim Ljajic.

Naturalmente, non mancano comunque i problemi, aggravati principalmente dalla politica regionale. “Ogni singola volta la retorica politica nella regione diventa più difficile, i politici dovrebbero chiedersi quanto questo influenzi l’economia, i cittadini e nuovi posti di lavoro”, osserva il Presidente della Camera di Commercio della Serbia, Marko Čadež. L’attuale accordo, inoltre, non prevede la rimozione di tutte le barriere non doganali. Anche se, secondo Čadež, alcune sono state rimosse, nuove ne sono state attivate.

Dieci anni fa, il commercio della Serbia con i paesi coinvolti dall’accordo di libero scambio era pari a 1,8 miliardi di euro, mentre oggi ammonta a 2,8 miliardi di euro. Allora, il surplus commerciale si attestava su 1,1 miliardi di euro, oggi è pari a 2,1 miliardi di euro.

La Serbia è stata scelta per presiedere il CEFTA nel 2017.
.
(N1, 08.02.2017)

http://rs.n1info.com/a226796/Biznis/Deset-godina-Cefta.html

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top