C’è bisogno di sangue in Serbia, appello dell’Istituto trasfusionale

L’Istituto trasfusionale della Serbia ha lanciato un appello a tutti i concittadini sani di età compresa tra i 18 e i 65 anni, affinché rispondano all’appello e donino il sangue volontariamente, perché le riserve si sono drasticamente ridotte e mancano tutti i gruppi sanguigni, mentre il fabbisogno è in costante aumento, riferisce “Tanjug”.

Al momento abbiamo riserve di sangue per un giorno, ha avvertito l’Istituto trasfusionale serbo in una dichiarazione.

A causa delle vacanze scolastiche autunnali e dell’imminente festa nazionale dell’11 novembre, il numero di iniziative è stato ridotto la prossima settimana e si prevede una risposta minore dei donatori di sangue volontari.

Come si sottolinea, la pessima situazione epidemiologica incide anche sulla minore risposta dei donatori di sangue. Il fabbisogno minimo settimanale di sangue è di 1.500 unità di sangue, e l’Istituto raccoglie in media il 70% di quel fabbisogno, che non è sufficiente per curare tutti i malati e i feriti che vengono curati nelle strutture sanitarie a cui l’Istituto fornisce il sangue.

Se non vengono raccolte quantità sufficienti di sangue, esiste la possibilità che vengano posticipati gli interventi chirurgici, afferma la nota. L’Istituto Trasfusionale è aperto tutti i giorni feriali dalle ore 7:00 alle ore 19:00, giovedì 11 novembre e sabato dalle ore 8:00 alle ore 15:00. L’orario delle squadre mobili che operano in giro è disponibile sul sito web www.nbti.org.rs.

https://www.politika.rs/sr/clanak/491574/Rezerve-krvi-za-samo-jedan-dan-apel-dobrovoljnim-davaocima

Photo credits: “А. Васиљевић”

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top