Catalogna: “perché la NATO non bombarda Madrid per 78 giorni?”

È un po’ tardi perché l’Unione europea ricordi la legislazione internazionale sul suo confine occidentale, quando la ignorava sul confine orientale, ha dichiarato a RT Marko Gasic, commentatore di affari internazionali.

Il leader della Catalogna si è impegnato a dichiarare l’indipendenza della regione dalla Spagna nei prossimi giorni.

Carles Puigdemont, presidente della regione separatista, ha dichiarato che non intende ritardare la dichiarazione di indipendenza per molto tempo ed è pronto ad “agire alla fine di questa settimana o all’inizio della prossima”, ha dichiarato in un’intervista alla BBC nella giornata di martedì.

Le autorità spagnole continuano a definire il voto di domenica in Catalogna illegale e incostituzionale, mentre l’UE ha espresso il suo sostegno al Primo Ministro spagnolo per risolvere la crisi.

La mossa è stata criticata dal Presidente della Serbia, che ha accusato l’UE di applicare due pesi e due misure in relazione al Kosovo.

Il Presidente serbo Aleksandar Vucic non ha risparmiato le sue parole quando ha rivolto una domanda in modo piuttosto chiaro: “Come avete proclamato legale la separazione del Kosovo, anche senza referendum, e come 22 paesi dell’Unione europea legalizzano questa secessione, distruggendo il diritto europeo e le fondamenta del diritto europeo, su cui si basa la politica europea e la politica dell’UE?”.

Marko Gasic, commentatore di affari internazionali, è del parere che il voto del Kosovo è stato riconosciuto perché la regione non fa parte dell’unione.

“Alcuni dicono che l’UE ha due standard in materia. Vorrei aggiungere che hanno solo bassi standard su questo argomento, in termini di diritto internazionale e della coerenza nell’osservanza. Perché l’UE si oppone alla secessione della Catalogna dalla Spagna e sostiene la secessione del Kosovo in Serbia”, ha dichiarato Gasic a RT.

Ha aggiunto: “questa è chiaramente una posizione schizofrenica che l’Unione europea ha”.

Gasic ha fornito una visione storica sulla posizione passata dell’UE sulla secessione del Kosovo.

“Mentre si oppone al referendum in Spagna, insisteva per organizzare referendum in Jugoslavia”, ha ricordato. “In Jugoslavia dicevano che non importava che cosa dicesse la costituzione; in Spagna sostengono che la costituzione è tutta importante. In Jugoslavia avevano detto che c’erano due settimane per decidere in merito all’indipendenza per parti della Jugoslavia e che altrimenti la decisione sarebbe stata presa da loro nel giro una settimana: questo accadeva nel 1992 “.

Gasic ha espresso il dubbio che l’Unione europea abbia imparato qualsiasi lezione dalla sua esperienza passata in Jugoslavia poiché “non ha mai ammesso alcun errore”.

“Credo che l’UE si comporterà esattamente nello stesso modo perché il Kosovo non è una zona che appartiene al club, il club ricco, come la Spagna”, ha aggiunto.

Nel caso della Jugoslavia e del Kosovo, l’UE “sta decidendo il destino di paesi al di fuori dell’Unione europea”, perché, sebbene vorrebbe “la stabilità nei paesi dell’UE”, non ha alcun problema quando si tratta di “instabilità al di fuori dell’UE … perché questa fornisce all’UE una scusa per proiettarsi in tali aree”, ha affermato Gasic.

L’analista politico ha osservato che “se l’Unione europea vuole essere coerente con il diritto internazionale, dovrebbe opporsi alla secessione in Spagna, in Serbia o in qualsiasi altro luogo, in linea con i termini dell’Atto finale di Helsinki e della Carta delle Nazioni Unite. L’autodeterminazione dovrebbe essere all’interno degli stati nazionali o meglio all’interno degli stati, non senza stati”.

“L’UE si comporta selettivamente in base al punto in cui sono i suoi interessi di potere. Sostiene la Spagna non perché la Spagna ha ragione, ma perché farlo è conveniente. E si opponeva alla Jugoslavia e si oppone Serbia ora perché è un’opportunità per proiettare il suo potere laggiù”.

“Penso che tutti i serbi vedano il confronto tra Catalogna e Kosovo e Metohija. Questo è qualcosa che i catalani stessi vedono. Il governo catalano si aspetta che l’Unione europea sostenga la sua candidatura all’indipendenza perché sta pensando «se il Kosovo può separarsi dalla Serbia, allora perché non dovrebbero i civili catalani godere dello stesso piacere a scapito della Spagna? Non potresti biasimare i catalani per aver scoperchiato il vaso di Pandora per cui è responsabile l’UE. È un po’ tardi perché l’Unione europea ricordi oggi la legge internazionale sul suo confine occidentale quando la ignorava sul suo confine orientale”, ha dichiarato Gasic a RT.

L’ex diplomatico britannico William Mallinson ha dichiarato a RT che una parte importante del problema che coinvolge la crisi catalana è “l’enorme dimensione dell’Unione europea e la globalizzazione” che provoca la “lenta distruzione dello Stato nazione”.

Questo sconvolgimento dello stato di nazione determina che le “parti più piccole si irritano”.

Mallinson poi ha tracciato parallelismi tra quello che sta accadendo in Spagna con gli eventi passati quando la NATO diede vita ad un’offensiva implacabile in Jugoslavia e sulla capitale Belgrado per la questione dell’indipendenza del Kosovo.

“Perché la NATO non bombarda Madrid per 78 giorni, perché la situazione è simile in tantissimi modi”.

“Infatti, il Kosovo è ancor più parte della Serbia rispetto a quanto la Catalogna sia per la Spagna. 

Ricordiamo quando nel Medioevo Ferdinando e Isabella unirono tutti i pezzi della Spagna. Ricordiamo che la Spagna è un paese unito, ma è un conglomerato. Dobbiamo anche ricordare questo effetto pericoloso. Questo andrà a nutrire sempre più la rabbia basca. E ovviamente, altre parti d’Europa, forse anche i Valloni in Belgio, per non parlare della Scozia”, ha proseguito.

Mallinson ha suggerito che una possibile soluzione alla crisi in corso sia quella di “buttare fuori le teste e di spingere Rajoy a parlare con i dirigenti della Catalogna per cercare di trovare qualche compromesso temporaneo, mentre tutti si riuniscono e cercano di mettere fine a questi effetti deleteri della globalizzazione e della distruzione dello Stato nazione. E mantenere coloro che vogliono interferire fuori dalla questione”, ha sottolineato.

(InSerbia, 04.10.2017)

https://inserbia.info/today/2017/10/why-isnt-nato-bombing-madrid-for-78-days/

Share this post

scroll to top
More in Kosovo, Spagna
Kosovo: la Serbia accusa l’UE di ipocrisia dopo il referendum in Catalogna
interpol
Pristina non aderirà all’Interpol: una vittoria diplomatica per la Serbia?

Close