Cannes: otto film serbi in proiezione al Festival del cinema

Il Festival di Cannes si svolgerà dal 17 al 28 maggio di quest’anno: alla prestigiosa manifestazione saranno presentati otto film serbi, mentre la Francia e la Serbia intendono firmare un accordo di cooperazione.

Saranno proiettati sette film serbi come parte del programma ACID TRIP, mentre il classico “I Even Met Happy Gypsies” (Sakupelaci Perja) del 1967, diretto da Aleksandar Petrovic, sarà presentato con altri 16 altri classici cult risalenti al periodo dal 1946 al 1992. “I Even Met Happy Gypsies” ha ricevuto il Gran Premio della Giuria al Festival di Cannes nel 1967.

Altri classici che verranno mostrati a fianco del film serbo saranno “La Bataille du Rail” di René Clément, “The Wages of Fear” di Henri-Georges Clouzot, “Blow-up” di Michelangelo Antonioni, “All that jazz” di Bob Fosse, “L’Uomo di Marmo” di Andrzej Wajda, “Yol” di Yılmaz Güney, “La ballata di Narayama” di Shohei Imamura e altri.

“I Even Met Happy Gypsies” sarà proiettato nella sala cinematografica di Bunuel, il 24 maggio alle ore 21.30, alla presenza di una delle attrici principali del film, Olivera Katarina.

Nel corso del Festival di Cannes, il Cinema Nazionale Francese il Centro Cinematografico Serbo firmeranno un accordo che prevede il trasferimento del know-how e lo scambio di buone pratiche nell’ambito dell’industria cinematografica.

Inoltre, due produttori serbi parteciperanno al Festival di quest’anno durante il programma “Produttori sul muovere”. Si tratta di Jovana Nikolic, che presenterà il film “The Black Wedding” diretto da Dragan Nikolic, mentre Milan Stojanovic presenterà il nuovo film di Ivan Ikic, “The Users”, nel corso dell’evento Producers Network.

(Vecernje Novosti, 16.05.2017)

http://www.novosti.rs/vesti/kultura.71.html:665528-Osam-srpskih-filmova-na-Kanskom-festivalu

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in cinema, festival, Francia
Bernard-Henri Levy: una torta in faccia, l’accoglienza dei “nostalgici fascisti”

Haradinaj: la Serbia protesta ma non interrompe le relazioni diplomatiche con la Francia

Close