Camera di Commercio: digitalizzazione snellirà il sistema per gli imprenditori

La Camera di Commercio e dell’Industria della Serbia presenta il nuovo portale che agevolerà per gli imprenditori l’ottenimento on-line della documentazione necessaria. Intanto prosegue il processo di digitalizzazione del sistema. 

Come era già stato programmato, a partire dal 1° settembre gli imprenditori serbi saranno in grado di ottenere attestazioni, certificati, valutazioni, documenti relativi all’import-export e dati relativi alle tariffe doganali attraverso il portale della Camera di Commercio, all’indirizzo usluge.pks.rs.

Come illustrato in occasione della presentazione del portale, il sistema garantirà agli utenti un risparmio economico e di tempo nell’acquisizione della documentazione, considerando che non sarà più necessario recarsi a Belgrado per l’espletamento delle pratiche di richiesta e per il ritiro.

In occasione della presentazione dei nuovi servizi offerti dalla Camera di Commercio e dell’Industria della Serbia, tenutasi a Belgrado martedì 6 settembre, la Ministra della Pubblica Amministrazione e delle Autonomie Locali Ana Brnabic, ha dichiarato che in futuro sarà interesse del suo ministero concentrarsi sullo sviluppo di servizi informatici per i cittadini e per il settore commerciale. Sarebbero in fase di progettazione, infatti, numerosi nuovi servizi elettronici, come ad esempio un nuovo software per l’applicazione della Legge sul Procedimento Amministrativo Generale, e di un sistema che consentirà l’utilizzo di carte per il pagamento presso il portale di e-government.

Marko Cadez, Presidente della CCIS, ha dichiarato, durante la presentazione dei nuovi servizi digitali, che la Camera emette circa 200.000 documenti all’anno, di cui 12.000 erano attestazioni, certificati e perizie: “fino ad oggi, per ottenere uno qualsiasi di questi certificati era necessario consegnare a Belgrado, presso la Camera di Commercio, tutta la documentazione necessaria, e tornare nel caso fossero richieste documentazioni aggiuntive, e infine, un’ennesima volta per ritirare il certificato richiesto. Ora è possibile completare la procedura dal proprio posto di lavoro, da qualsiasi parte del paese”.

Cadez ha puntualizzato che l’accesso e l’utilizzo del portale sono gratuiti, e la CCIS sta già valutando i possibili ulteriori miglioramenti e la fase di digitalizzazione da avviare nel 2017.

“Stiamo lavorando ad un grande progetto, il quale prevederà la digitalizzazione completa del sistema e dei servizi della Camera, che a sua volta garantirà sostegno alle piccole imprese per la digitalizzazione dei loro sistemi. Se non ci impegniamo in questo senso, non riusciremo a fronteggiare la concorrenza nella regione e con i paesi dell’Unione Europea”, ha spiegato il Presidente della CCIS.

Il progetto di digitalizzazione della CCIS è stato sviluppato nell’ambito di un progetto di cooperazione allo sviluppo tra Serbia e Germania per la crescita sostenibile e l’occupazione.

L’Ambasciatore della Germania a Belgrado Axel Dittmann, che ha sostenuto il progetto, ha sottolineato che la Germania sta cooperando con i partner serbi nell’ambito di varie iniziative, tra cui il nuovo servizio, che dovrebbe avere un grande e positivo impatto sul clima imprenditoriale. “Risulta di fondamentale importanza proseguire con le riforme avviate dal Governo, al fine di attirare gli investimenti esteri, e migliorare la pubblica amministrazione”- ha sottolineato Dittmann.

Miroljub Aleksic, proprietario di Alco Group, parlando in rappresentanza del settore commerciale, ha confermato l’importanza che efficienti servizi informatici e digitali possono avere, tanto per grandi che per piccole imprese, e che il risparmio di tempo e denaro che ne deriverà sarà notevole. Aleksic ha aggiunto che sarà inoltre possibile procedere all’acquisizione della documentazione anche tramite delega, il che potrebbe rivelarsi utile, ad esempio, per gli spedizionieri, che potranno ottenere i documenti necessari per l’esportazione e l’importazione per conto dei loro clienti.

L’insieme dei servizi informatici comprende quattro gruppi di servizi – il rilascio di sette tipi di attestazioni, certificati e valutazioni per fare affari in Serbia, sette tipi di certificati di import-export e una verifica dei documenti di import-export. Il nuovo sistema digitale della CCIS digitale consentirà alla comunità imprenditoriale di accedere in modo diretto e veloce ai dati relativi alle tariffe doganali.

(eKapija, 07.09.2016)

http://www.ekapija.com/website/en/page/1537620/Acquisition-of-documents-facilitated-Confirmations-certificates-opinions-customs-tariffs-and-import-export-documents-available-online

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Camera di Commercio della Serbia, digitale, imprenditori
ICT: crescita delle start-up e dell’esportazione per 216 mln di euro

Apicoltura: esportate 943 t di miele nella prima metà del 2016

Close