Calo dello scambio commerciale estero del 7,5%

Lo scambio commerciale estero totale della Serbia dall’inizio dell’anno alla fine di luglio è stato di 22,01 miliardi di euro, in calo del 7,5% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, ha annunciato oggi l’Ufficio statistico della Repubblica (RZS).

Sono state esportate merci per un valore di 9,31 miliardi di euro, ovvero l’8,2% in meno rispetto allo stesso periodo del 2019, mentre le importazioni di merci hanno raggiunto i 12,70 miliardi di euro, con una diminuzione del 7,1% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, afferma la dichiarazione.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Il deficit è stato di 3,39 miliardi di euro, ovvero il 4% in meno rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

La copertura delle importazioni con le esportazioni è stata del 73,3% ed è inferiore alla copertura dello stesso periodo dell’anno scorso, quando era del 74,1%.

Lo scambio del commercio estero è stato più grande con i Paesi con i quali la Serbia ha firmato accordi di libero scambio e gli Stati membri dell’Unione europea hanno rappresentato il 60,7% del commercio totale.

Il secondo partner più importante della Serbia sono stati i Paesi CEFTA, con i quali c’è stato un surplus nello scambio di 1,03 miliardi di euro, principalmente con l’esportazione di prodotti agricoli (cereali e prodotti derivati), macchine e attrezzature elettriche, petrolio e prodotti petroliferi, veicoli e bevande.

Le esportazioni della Serbia durante i primi sette mesi sono state pari a 1,51 miliardi di euro e le importazioni a 471,7 milioni di euro, quindi la copertura delle importazioni dalle esportazioni è stata del 320,3%.

https://nova.rs/vesti/biznis/pad-spoljnotrgovinske-razmene-za-sedam-meseci-75-odsto/

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in CEFTA, scambio commerciale estero, Serbia
PIL
I dati del PIL in Serbia nel secondo trimestre

FMI
Ottime le previsioni del FMI per la Serbia

Close