Calo delle esportazioni e delle importazioni da gennaio a fine maggio

Il commercio estero totale della Serbia da gennaio a fine maggio 2020 è stato di 15,34 miliardi di euro, che è l’8,1% in meno rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, ha annunciato ieri l’Ufficio di statistica della Repubblica.

Sono stati esportati beni per 6,42 miliardi di euro, ovvero il 9,5% in meno rispetto ai primi cinque mesi dello scorso anno, e ne sono stati importati per 8,92 miliardi di euro, con un calo del 7,1% su base annua. Il deficit ammonta a 2,5 miliardi di euro ed è inferiore dello 0,5% rispetto allo stesso periodo del 2019.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Le esportazioni nel periodo osservato hanno raggiunto un valore di 7,04 miliardi di dollari, in calo del 12,1% rispetto al periodo comparabile dell’anno precedente, e le importazioni sono ammontate a 9,78 miliardi di dollari, con un calo del 9,9%.

Il deficit è stato di 2,74 miliardi di dollari, in calo del 3,6% su base annua.

La copertura delle importazioni dalle esportazioni è stata del 72% ed è inferiore alla copertura dello stesso periodo dell’anno scorso, quando era del 73,8%.

La quota maggiore delle esportazioni serbe si è verificata nella regione della Vojvodina (36,0%) e delle importazioni nella regione di Belgrado (48,8%).

Gli Stati membri dell’Unione Europea hanno avuto una quota del 60,1% nello scambio totale e il principale partner commerciale estero è risultato essere la Germania, in cui sono stati esportati beni per un valore di 819,3 milioni di euro e importati per un valore di 1,14 miliardi di euro.

Il secondo partner più importante sono stati i Paesi CEFTA, verso i quali si sono esportate merci per un valore di 1,03 miliardi di euro e importate per 317,1 milioni, con un surplus di 716,8 milioni di euro. La copertura delle importazioni dalle esportazioni è stata del 326%.

https://www.dnevnik.rs/ekonomija/berza/ceh-pandemije-pad-izvoza-i-uvoza-od-januara-do-kraja-maja-30-06-2020

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in CEFTA, commercio estero, esportazioni, Germania
Bieber: “La Germania ha raffreddato il suo atteggiamento nei confronti di Vučić”

Gli impresari serbi costruiscono di più in Russia, Germania e Arabia Saudita

Close