Calcolo dell’IVA: contestato il nuovo regolamento

L’Associazione dei Revisori contabili della Serbia avanza non pochi dubbi in merito alla validità, economia ed utilità delle nuove disposizioni in materia di calcolo dell’IVA, che dovrebbero divenire operative a partire da gennaio 2017. 

Il nuovo regolamento sul calcolo dell’IVA comporterà nuove spese: la documentazione IVA è ora più ampia e i nuovi moduli presentano 13 riquadri e 155 righe. Risulterà impossibile impossibile soddisfare i nuovi requisiti per il calcolo dell’IVA e affrontare i costi connessi con l’attuazione di questo nuovo calcolo, che saranno coperti dalle società e ammonteranno ad una cifra superiore ai 5 milioni di euro.

Queste le conclusioni cui sono giunti i commercialisti serbi durante il tentativo di far luce sui problemi connessi al nuovo regolamento che introduce trasformazioni in merito al calcolo dell’IVA e che dovrebbe entrare in vigore a partire dal 1° gennaio 2017. Secondo le nuove disposizioni, insieme al modulo regolamentare per la dichiarazione IVA, i contabili dovranno ora presentare una documentazione molto più ampia e dettagliata, insieme ad una descrizione certosina di ogni prodotto venduto.

Martedì scorso, l’Associazione dei Revisori della Serbia ha chiesto un incontro con il Ministro delle Finanze Dusan Vujovic, allo scopo di individuare una soluzione a questo problema. Borisav Timotijevic, membro dell’Associazione, ha dichiarato: “in primo luogo, abbiamo bisogno di apportare delle modifiche al nostro software per adattarlo alla compilazione dei moduli, e questo implicherebbe nuove assunzioni. Inoltre, le norme non sono chiare sul modo in cui dovremmo ottenere una grande quantità di dati provenienti da documenti aziendali dei nostri clienti. I commercialisti considerano queste richieste aggiuntive completamente inutili dal momento che i dati richiesti sono già in possesso dell’amministrazione fiscale. Si tratta di un duplice lavoro che costerà alle aziende senza migliorare le procedure di riscossione dell’imposta”.

Il sito Neobilten ha calcolato che 50.000 aziende in Serbia dovranno spendere ulteriori 633,6 milioni di dinari ogni anno per l’assunzione di nuovo personale contabile.

(Vecernje Novosti, 10.11.2016)

http://www.novosti.rs/vesti/naslovna/ekonomija/aktuelno.239.html:629522-Racunovodje-upozoravaju-Novi-obracun-PDV-tezak-5-miliona-evra

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... IVA
Deficit a 8,9 miliardi di dinari nel primo trimestre 2016

Introdotto il pagamento dell’IVA sulla merce invenduta

Chiudi