Budimka, tra fallimento o riorganizzazione: cinesi in attesa di sviluppi

A più o meno un anno e mezzo da quando i debiti dell’ex gigante hanno portato la società in fallimento, non si hanno indicazioni sul riavvio della produzione di frutta, verdura e prodotti a base di carne e su chi gestirà Budimka, investendo risorse e restituendo il lavoro agli impiegati.

Dal 5 febbraio 2016, quando è stata avviata la procedura di fallimento, “Budimka” si trova all’intersezione tra la riorganizzazione e il fallimento. Il desiderio della grande maggioranza dei lavoratori, cui sono stati restituite le schede di lavoro, ma anche del sindaco del comune di Požega, Milan Božić, è un secondo fallimento, in seguito al quale la fabbrica potrebbe essere rilanciata.

L’anno scorso era stato annunciato sul sito del governo serbo che il governatore della provincia cinese di Hebei aveva riferito l’interesse di una società locale a rilevare la “Budimka”. I cinesi, secondo quanto riferito, avevano espresso la volontà di investire nell’azienda 15 milioni di euro di investimenti, più 30 milioni di euro in una fabbrica in Cina chiamata “Budimka”, la quale avrebbe acquistato frutta e verdura dalla regione.

Come via più breve per un’agonia di aziende già famose, viene annunciato quindi fallimento, in seguito al quale i cinesi avrebbero rilevato l’impresa con i conti puliti e senza debito, con l’obbligo di investire la somma promessa. Tuttavia, i piani sono stati alterati dalla Pan Pan Komerc, società che aveva acquisito la maggioranza di “Budimka” nel 2008.

“La decisione sul fallimento non è stata votata per la prima udienza del creditore e “Pan komerc”, bloccata per tre anni, ha presentato due piani di riorganizzazione. Uno è stato legalmente licenziato e l’altro è nel procedimento dopo essere stato respinto in primo luogo, ma la Corte d’appello ha rimandato la causa al Tribunale Commerciale di Užice e non è ancora noto se la “Budimka” sarà in vendita o il fallimento proseguirà con la riorganizzazione”, afferma Djordje Zecevic, dell’Agenzia per i fallimenti, e amministratore del fallimento di “Budimka”.

E il più grande creditore individuale, secondo quanto riferito da una fonte di “Blic”, è in realtà “Pan komerc”, che è stata bloccata per tre anni, ma che vuole rientrare nuovamente in “Budimka”.

“I cinesi sono interessati, ma fino a un anno fa non sapevano che la società fosse in bancarotta e che la procedura per l’acquisto da bancarotta è più dettagliata di quella che riguarda una società in fase di ristrutturazione. Non erano comunque soli, considerando l’interessamento di importanti aziende provenienti da Russia, Austria, Turchia, Slovenia”, sostiene Zecevic.

Nel caso in cui il piano “Pan Komerc”, reinviato dalla Corte d’Appello per essere riconsiderato, non sortisca esiti positivi, la Corte Commerciale è tenuta ad emettere una decisione sul fallimento. Da quel momento comincerà il processo di preparazione delle vendite.

“Cosa è meglio, se la riorganizzazione o il fallimento, saranno i creditori a deciderlo. È importante che l’azienda cominci a lavorare perché ha posti di lavoro per diverse centinaia di persone, ma anche per un gran numero di agricoltori da cui Budimka potrebbe acquistare materie prime per la produzione”, ricorda Zecevic.

(Blic, 18.09.2017)

http://www.blic.rs/vesti/ekonomija/posrnuli-gigant-na-korak-od-propasti-kinezi-cekaju-da-budimka-bankrotira-pa-da-je/885951s

Share this post

scroll to top
More in Cina
imprese cinesi
La verità su investimenti e imprese cinesi in Serbia

Cina
Rafforzata cooperazione con la Cina in materia di sicurezza

Close