Brnabic: Per la Serbia il riconoscimento del Kosovo non sarebbe un compromesso

La Prima Ministra serba Ana Brnabic ha dichiarato che si deve raggiungere al più presto un compromesso sul Kosovo, ma né il riconoscimento dell’indipendenza né l’insistenza sul fatto che il Kosovo appartenga alla Serbia sono soluzioni di compromesso.

La Brnabic in un’intervista per il telegiornale Welt, ha detto che per i serbi il rapporto con Pristina è difficile ed emotivo, e che il presidente Aleksandar Vucic ha fatto passo coraggioso e responsabile quando ha iniziato il dialogo interregionale, in quanto fino ad allora qualsiasi discussione era tabù.

“Il Kosovo è Serbia. Punto. Ora dobbiamo trovare un compromesso. La Serbia non riconoscerà mai l’indipendenza del Kosovo, perché allora non sarebbe  un compromesso. E nemmeno se continuiamo a insistere sul fatto che il Kosovo appartiene alla Serbia, un compromesso sarà possibile”, ha detto la Brnabic.

La Prima Ministra ritiene che Pristina non abbia iniziato ad attuare la base dell’accordo di Bruxelles, ovvero l’istituzione della Comunità dei comuni serbi, e dall’aumento del numero di attacchi sui serbi in Kosovo, si capisce che l’intenzione di Pristina potrebbe essere quella e di mandar via tutti i serbi, e ciò la Serbia non lo permetterà.

“La Serbia è pronta per nuovi dialoghi, ma abbiamo bisogno di una controparte per questo”, ha detto la ministra.

Per quanto riguarda il possibile ingresso della Serbia nell’Unione europea nel 2025, la Brnabic ha detto che questa è solo una data provvisoria e che non è una garanzia. E’ solo una data possibile alla quale la Serbia sta lavorando in modo efficace.

La Brnabic ha detto che l’Europa non dovrebbe preoccuparsi delle buone relazioni tra Serbia e Russia, perché l’UE è il centro strategico della Serbia, e questo la Russia comprende, così come l’Unione europea comprende le relazioni tradizionalmente strette tra Belgrado e Mosca.

La Prima Minstra ha detto che la polizia serba e l’esercito stanno lavorando ottimamente con i paesi limitrofi e con l’agenzia Fronteks per la protezione delle frontiere dell’UE, e continueranno a farlo.

http://www.novimagazin.rs/vesti/brnabic-priznanje-kosova-ne-bi-bio-kompromis)

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top