Borovic: “L’ulteriore indebitamento del Paese una vendetta sulle future generazioni della Serbia”

Il presidente del Comitato per l’economia e le finanze del Partito Popolare, Borislav Borović, ha dichiarato che l’ulteriore indebitamento che il governo intende assumersi per ulteriori 1,9 miliardi di euro rappresenta un passo suicida e una vendetta sulle future generazioni della Serbia.

“Oggi il parlamento serbo deciderà su un nuovo indebitamento di 1,9 miliardi di euro, che con l’emissione di bond in dinari ed euro da dicembre per un totale di 200 milioni di euro, significa un aumento del debito pubblico di oltre 2 miliardi euro in poco più di un mese”, ha detto Borovic.

Secondo lui, “questo prestito suicida è una sorta di vendetta verso le le generazioni a venire, perché una politica così irresponsabile legherà loro un cappio al collo da cui sarà difficile liberarsi. La stabilità delle finanze pubbliche serbe è un inganno del regime, e nessuno può determinare con certezza l’importo esatto delle future obbligazioni creditizie assunte dallo Stato, se guardiamo agli accordi firmati la cui attuazione deve ancora essere presa in considerazione, anche se iniziamo già a pagarne le conseguenze”.

Ha inoltre sottolineato che non si conoscono le condizioni di assunzione dei prestiti, e neanche quelle che garantiscono la restituzione del prestito. “La stima secondo cui il debito di questo governo è aumentato del 100% in 10 anni è troppo ottimistica, e purtroppo ci saranno spiacevoli sorprese quando dopo di esso si farà l’inventario finanziario”, ha continuato il rappresentante del Partito popolare.

Borovic ritiene che, mentre viene annunciato un aumento a livello globale dei tassi di interesse, “prendere prestiti da 18 diverse banche commerciali e 5 istituzioni finanziarie per un valore di quasi 2 miliardi di euro in un solo giorno evidenzia la difficile situazione finanziaria in cui questo governo irresponsabile ha portato il Paese”.

Borović: Samoubilačko zaduživanje je osveta budućim generacijama Srbije

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top