Bollette salate: non colpa del gelo, ma di EPS

Il Primo Ministro Aleksandar Vucic ha confermato domenica che sono state riscontrate irregolarità nella lettura dell’energia elettrica consumata dai cittadini serbi a dicembre 2016, e che, dunque, l’importo delle bollette loro pervenute risulta erroneo.

Ha anche affermato che le autorità competenti apriranno un’indagine in merito, e ha promesso che Electric Industry Power of Serbia (EPS) troverà un modo per rimborsare i cittadini che hanno già pagato le bollette esagerate.

Anche l’Amministratore Delegato di EPS, Milorad Grcic, ha annunciato un’indagine sulla questione, e si è dichiarato disposto a procedere al licenziamento dei responsabili. Gli uffici locali nelle città di Nis e Belgrado sembrano rappresentare il cuore del problema, in quanto non avrebbero neanche inviato i loro impiegati per la lettura dei contatori elettrici.

“E’ normale che le bollette di energia elettrica abbiano un importo maggiore del 5% o 20% durante i mesi freddi, ma è assolutamente impossibile che siano più alte del 100% o addirittura del 150%, nonostante il tempo. Abbiamo notato irregolarità nelle operazioni di EPS e ci sarà un’inchiesta. Milorad Grcic informarà il pubblico in merito alle misure per risolvere il problema. Quei consumatori che hanno pagato più di quello che hanno speso nel mese di dicembre otterranno un rimborso, o saranno autorizzati a ridurre le bollette del prossimo mese per l’importo che hanno sovrapagato”, ha aggiunto il PM.

“Vorrei chiedere scusa a tutti i cittadini clienti di EPS perché c’è stato un evidente errore nella lettura di contatori elettrici in alcune aree, che ha determinato importi errati. Abbiamo intenzione di condurre un’indagine molto approfondita. Supervisori EPS saranno inviati a leggere il consumo di energia elettrica per gennaio, e abbiamo intenzione di correggere tutte le bollette di energia elettrica che devono essere corrette”, ha aggiunto Grcic promettendo che l’indagine sarà completata in due o tre giorni.

(Vecernje Novosti, 22.01.2017)

http://www.novosti.rs/vesti/naslovna/ekonomija/aktuelno.239.html:645900-EPS-stelovao-racune-za-struju-slede-istraga-i-smene-odgovornih

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top