“Bloomberg” critica sulle decisioni del governo serbo a riguardo del blocco dei prezzi di alcuni generi alimentari

La decisione del governo serbo di congelare i prezzi di olio, latte, carne e altri generi alimentari di prima necessità, la multinazionale americana “Bloomberg” la vede come una misura adottata in vista delle elezioni del 2022 e sottolinea che la Serbia ha il più alto tasso di inflazione degli ultimi otto anni.

“Nei prossimi 60 giorni il governo limiterà i prezzi del latte, di alcuni tipi di pane, della carne di maiale, dello zucchero e dell’olio di semi di girasole. I produttori che riducono le consegne saranno puniti. L’inflazione serba è al livello più alto degli ultimi otto anni”, si legge nel testo.

“Bloomberg” scrive inoltre che i prezzi alimentari globali sono ai livelli maggiori dell’ultimo decennio a causa delle cattive condizioni meteorologiche, della mancanza di lavoratori e delle sfide logistiche. Si afferma inoltre che misure simili sono state adottate dai governi di Turchia e Russia. “Le elezioni parlamentari e presidenziali dovrebbero tenersi in Serbia ad aprile”. L’analista macroeconomico Mate Jelic afferma che queste misure “sono sostenibili solo nel breve termine”.

I prezzi globali del cibo sarebbero quindi alti da un decennio a causa del maltempo, della carenza di manodopera e delle strozzature logistiche. Ciò sta accumulando pressione sui consumatori e sui governi, con dei Paesi, dalla Russia alla Turchia, che introducono misure protezionistiche, chiedono riduzioni dei prezzi o aumentano gli investimenti nella produzione alimentare locale per garantire le forniture. “Rabobank” ha dichiarato questa settimana che le interruzioni e i prezzi dovrebbero diminuire l’anno prossimo, ma solo leggermente.

La Serbia sta cercando di proteggere i suoi cittadini da un “impatto eccessivo sul loro reddito disponibile”, ha affermato Mate Jelic, analista macroeconomico senior di “Erste Group”, anche se “tali misure sono sostenibili solo a breve termine”. Il partito del Presidente Aleksandar Vucic è ancora in testa ai sondaggi, ma gli alti prezzi del cibo si aggiungono alle pressioni che sta affrontando a causa del malcontento latente per gli standard democratici, la libertà dei media e la protezione dell’ambiente.

„Blumberg“ o zamrzavanju cena u Srbiji: Mera pred izbore, najveća inflacija

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top