Blocco autostradale: Siamo al terzo giorno e senza una soluzione

Le proteste riguardo all’aumento dei prezzi del carburante si sono prolungate al terzo giorno, e si stanno svolgendo sulle strade in tutta la Serbia. La polizia è riuscita a fermare il blocco dell’autostrada a Belgrado.

Dusan Ivanovic è una delle centinaia di persone di Mladenovac che hanno bloccato, dalle 7 del mattino, l’autostrada per Belgrado.  Tra la fila di camion, trattori e automobili, questa mattina alle sette, il traffico sulla autostrada Kragujevac – Belgrado è stato bloccato anche dal suo carretto a motore.

“Sarà forse ridicolo, ma io non ho una macchina o un trattore, ho solo questo carretto”, ha detto Ivanovic alla BBC. All’età di 63 anni, è disoccupato e guadagna da vivere coltivando circa tre ettari di terra. Tuttavia, dice, dopo l’ultimo aumento del prezzo del carburante “non sa come andrà”.

In tutta la Serbia da tre giorni, gli agricoltori insoddisfatti stanno protestando per i prezzi del carburante, bloccando importanti strade nelle città e le autostrade. Le proteste si svolgono sulle strade intorno a Kragujevac, Mladenovac, Indjija, Sid e Nis e molti altri comuni in Serbia, così come per le strade di Novi Sad e Belgrado. La polizia oggi ha impedito il blocco del ponte Gazela nella capitale, e secondo informazioni non ufficiali, diversi manifestanti sono stati portati a Belgrado e Kragujevac.

La società pubblica “Putevi Srbije” ha annunciato che a causa delle proteste dei cittadini il traffico su diverse strade in Serbia è stato interrotto. Il traffico è stato sospeso all’intersezione di Sremska Mitrovica – Sabac, Sremska Mitrovica – Drenovac, al passaggio ferroviario di Licka e verso la direzione di Smederevo – Kovin. Il  traffico è stato fermato anche in Ljubovija, Mali Zvornik sulla strada – Rogacica, Ruma – Sabac, sul ponte di Sabac, e nella direzione da Kragujevac a Kraljevo. Il traffico è bloccato anche dal paesino Bela Crkva a Kovin.

Secondo informazioni non ufficiali, molte persone sono state arrestate a causa del blocco a Kragujevac, a Mladenovac e a Belgrado.  La polizia non ha ancora confermato queste informazioni.

Automobilisti e agricoltori chiedono al governo della Serbia di ridurre l’accisa sulla benzina. I prezzi del carburante dall’inizio dell’anno sono aumentati di quasi 9 dinari per litro e del diesel di 11 dinari. Dopo l’ultimo aumento di prezzo, la benzina da 95 ottani costa 152,02 dinari al litro, mentre l’Eurodiesel 161,71. Le categorie di carburante di alta qualità hanno raggiunto il prezzo di 167 dinari al litro.

Come è stata organizzata la protesta?

Sotto l’hashtag #nestalomigoriva ( non ho più benzina), i partecipanti alla protesta si sono riuniti principalmente attraverso i social network, dove è stato concordato il primo blocco delle strade. Dopo la prima protesta di venerdì, il traffico è stato fermato per un’ora a Belgrado, Novi Sad, Kragujevac, Zajecar, Nis, Pancevo, Sabac, Novi Pazar e in molte altre città.

A Kragujevac, come nel resto della Serbia, i cittadini si sono organizzati attraverso un gruppo Facebook, Djordje Bubanja, uno dei manifestanti di Kragujevac, ha detto per la BBC: “Sono stati creati gruppi Facebook e i cittadini infelici ora sono qui a protestare. Circa 200-300 persone si sono riunite il primo giorno e hanno bloccato l’entrata e l’uscita dalla città “.

Oltre al gruppo principale di Facebook, ogni città ha creato un gruppo per sé, per un’organizzazione più semplice. “L’energia sta crescendo e sempre più persone si stanno riunendo. Se la richiesta di riduzione delle accise non sarà soddisfatta, si prevede di radicalizzare la protesta,rimanendo sulle strade tutta la notte.

La reazione del governo serbo, però, è per lo più negativa.

Il Ministro degli Interni Nebojsa Stefanovic ha dichiarato che il governo serbo è pronto a parlare di tutte le questioni, ma non sotto questa pressione del blocco delle strade.

Stefanovic ha anche avvertito i cittadini che hanno protestato “devono essere consapevoli che stanno commettendo una violazione della legge”, aggiungendo che ci saranno segnalazioni di reati minori.

La Ministra dei Trasporti Zorana Mihajlovic ha dichiarato che il blocco del traffico è inaccettabile. “I blocchi di automobili in cui ci sono neonati, bambini e anziani, soprattutto con questo gran caldo, mettono in pericolo la vita dei cittadini, e non hanno nulla a che fare con i prezzi del carburante, ma con l’introduzione del caos nel paese”, ha dettola Ministra.

Il Ministero dell’Energia ha annunciato che il blocco delle strade nelle città di tutta la Serbia non è un modo per mostrare l’insoddisfazione di un qualsiasi problema e che questo loro “metodo” è illegale. “Il prezzo del carburante è un problema che può essere sempre discusso civilmente, e non c’è motivo di interferire con il traffico”.

Il Presidente serbo Aleksandar Vucic, quando le proteste sono state annunciate solo sui social network, ha descritto coloro che hanno annunciato la loro partecipazione come dei “pazzi politici”. Dopo le proteste, il Presidente ha detto che tutti in Serbia hanno il diritto di protestare, ma in conformità con la legge. Chiunque voglia protestare, è il benvenuto, esiste una legge che stabilisce il diritto all’assemblea pubblica.

Cosa può fare lo Stato
Il professore della Facoltà di Economia Ljubodrag Savic, per la BBC, ha detto che lo Stato può ridurre l’accisa sui costi del carburante, ma la domanda è come la gente dovrebbe ripagare per questa mancanza.

“Questo può essere risolto decidendo che una parte della tassa non venga pagata tramite il prezzo del carburante, ma attraverso il  deficit, che sarà finanziato o dall’emissione di titoli o con nuovi prestiti. E sarà pagato da coloro che non guidano e che cercano di sopravvivere “, dice Savic.

Egli fa notare che il problema non è semplice, e ricorda che l’accisa è aumentata nel 2014, in linea con le misure di risparmio globale sulla raccomandazione proposta dal Fondo Monetario Internazionale, e che quest’anno non è aumentata, ma è stata regolata secondo la soluzione statutaria per la crescita annuale dell’inflazione.

Savic dice che in Serbia, circa il 30% dei contribuenti non paga regolarmente le tasse e i contributi, e che se i cittadini fossero più responsabili, le accise verrebbero probabilmente meno.

Il professore propone una soluzione equilibrata, che non solo aumenterà il profitto per le compagnie petrolifere, ma che non forzerà quelli che hanno come costo il petrolio ad aumentare il prezzo del prodotto.

(https://www.bbc.com/serbian/lat/srbija-44445679)

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Aleksandar Vucic, Blocco autostrade, Ministero dei trasporti, Ministero dell'Energia, Nebojsa Stefanovic, Prezzo del carburante
La neutralità militare non sarà più stabilita dalla Costituzione

Zoran Radojicic nuovo sindaco di Belgrado

Close