Berlino aumenta la pressione sulla Serbia per la questione Kosovo

Un nuovo incontro tra il presidente serbo Aleksandar Vucic e la cancelliera tedesco Angela Merkel, annunciato per venerdì 13 aprile, dovrebbe essere interpretato come una nuova pressione di Berlino su Belgrado per raggiungere un accordo sulla normalizzazione dei rapporti con Pristina il prima possibile. Questo è ciò che dicono diplomatici e gli esperti per le questioni regionali di Serbia e Germania.

“Berlino continuerà a fare pressione su Belgrado per quanto riguarda la questione del Kosovo ed è possibile che la Merkel ricorderà a Vucic alcune promesse non mantenute.  D’altra parte, l’impressione è che Vucic non sia pronto per nuove concessioni “, dicono gli esperti politici.

Franz-Lothar Altman, professore di relazioni internazionali all’Università di Bucarest, ha dichiarato per il “Danas” che “non si aspetta che la Merkel dica qualcosa di nuovo a Vucic, ribadendo che la Germania non sosterrà l’adesione della Serbia all’UE se Belgrado e Pristina non raggiungeranno un accordo sostenibile sullo status formale del Kosovo. Ciò significa che la Merkel incoraggerà Vucic a proseguire pienamente con i negoziati e a convincere il Governo serbo a non parlare e ad agire senza mettere a repentaglio il processo di normalizzazione delle relazioni tra Belgrado e Pristina.  Allo stesso tempo, la Merkel riaffermerà l’impegno della Germania per il futuro dei Balcani occidentali nell’UE, con particolare attenzione alla Serbia. Probabilmente parlerà anche del prossimo summit dei Balcani occidentali a Sofia, dove Pristina deve essere accettata come partecipante a pieno titolo”, afferma Altman.

Secondo Dusan Janjic, presidente del Forum per le relazioni etniche, il prossimo incontro a Berlino sarà “molto utile, prima di tutto, per Vucic stesso, e spero anche per la Serbia”. “Questo è un momento critico perché la situazione è molto diversa da quella di luglio dell’anno scorso, quando Vucic ha lanciato l’iniziativa per un dialogo interno sul Kosovo. Belgrado si è allontanata dal concetto di piena normalizzazione delle relazioni con Pristina, che alcuni hanno definito come “il modello delle due Germanie”. Recenti dichiarazioni delle autorità serbe, tra cui il ministro degli Esteri Ivica Dacic e anche Vucic, mostrano che c’è un forte disaccordo sulla politica di Berlino. Un altro argomento, che sarà senza dubbio menzionato all’incontro con la Merkel, è la sicurezza, perché per la prima volta, dopo due decenni, viene menzionata la possibilità di uno scoppio della guerra in Kosovo, il che è inaccettabile per la Germania. Sebbene Vucic sia noto per avere buoni rapporti personali e politici con la Merkel, questi rapporti sono stati abbastanza spenti ultimamente, e mi aspetto che dopo l’incontro di venerdì il presidente serbo tornerà  alla politica dei piccoli passi per normalizzare i rapporti con Pristina”, ha dichiarato Janjic per “Danas”.

Il quotidiano “Danas” ricorda che il governo tedesco è a favore dell’adesione del Kosovo alle Nazioni Unite, a cui Belgrado si oppone fermamente.

(https://www.danas.rs/politika/berlin-pojacava-pritisak-na-beograd-zbog-kosova/ )

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top