Belgrado tra le capitali meno trasparenti d’Europa

Belgrado è una delle capitali meno trasparenti d’Europa; è il risultato di un sondaggio condotto dalle reti globali di “Transparency International” su un campione di 26 capitali tra Stati e territori del nostro continente.

Le città sono state valutate sulla base di 14 indicatori che coprivano aree come la disponibilità di informazioni sui processi decisionali, sulla spesa pubblica, sugli appalti pubblici e le regole etiche.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

Per 12 di questi dati e documenti si è valutata la possibilità di trovarli sui siti web, mentre due sono stati richiesti direttamente alle città attraverso la disponibilità all’accesso gratuito a informazioni di importanza pubblica.

Dato che si tratta di un progetto pilota con un numero relativamente piccolo di indicatori, le città non sono messe in una classifica vera e propria ma solo divise in tre categorie: verde, quelle con almeno il 75% dei punti massimi ottenuti, giallo (50-75%) e rosso, con meno della metà del numero massimo di punti.

Belgrado è nella “zona rossa”, insieme a Sarajevo, Atene, Stoccolma, Chisinau e Yerevan. La capitale della Serbia ha solo tre indicatori positivi: nei siti web infatti solo le gare per gli appalti pubblici, le relazioni sugli stessi e il bilancio sono disponibili.

Per i restanti nove dati cercati sul sito web della città, Belgrado ha ricevuto un punteggio pari a zero, ovvero i dati non sono disponibili. Inoltre, Belgrado non ha risposto alle richieste su informazioni di importanza pubblica, sempre secondo “Transparency”.

La capitale della Serbia ha ricevuto quindi un punteggio pari a zero a causa dell’indisponibilità nel sito web della città di: relazione sull’esecuzione del bilancio, verbali delle riunioni dell’assemblea, contatti dei consiglieri, codice etico per i funzionari, contratti firmati dalla città, risultati delle votazioni alle riunioni dell’assemblea, programma delle attività e riunioni dei sindaci, rapporto sulla proprietà del sindaco e informazioni sulle lobby.

Le autorità cittadine non hanno risposto alla richiesta di fornire informazioni sulla remunerazione totale (stipendi, indennità, ecc.) pagate al sindaco e ai consiglieri nel 2017, né tantomeno alla richiesta di presentare i contratti che le autorità della città di Belgrado hanno con la telefonia mobile e i fornitori di servizi Internet.

Belgrado in Serbia si colloca al 118° posto su 145 amministrazioni locali, con un indice di 30 (su una scala da 0 a 100), cioè quattro punti in meno di due anni fa e sei punti in meno rispetto al 2015.

https://www.danas.rs/drustvo/transparentnost-srbija-beograd-medju-najnetransparentnijim-prestonicama-evrope/

 

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... Belgrado, Transparency International
A Belgrado un nuovo Pronto soccorso quattro volte più grande

La costruzione del nuovo ponte sulla Sava è prevista per il 2020

Chiudi