Belgrado: migranti trasferiti in centri di accoglienza

Circa 250 migranti hanno accettato di essere trasferiti dagli abbandonati e fatiscenti locali nei pressi della stazione centrale degli autobus a Belgrado in centri di accoglienza ad Obrenovac e Krnjaca, e in altre parti della Serbia.

I Ministri Nebojsa Stefanovic, Aleksandar Vulin e Zoran Djordjevic, insieme al sindaco di Belgrado Sinisa Mali hanno visitato ieri i migranti. Nell’occasione, il Ministro Vulin ha dichiarato che, a seguito di un’iniziativa del Primo Ministro serbo, il Governo ha intensificato gli sforzi per cercare di parlare con gli altri migranti per convincerli ad essere trasferiti in una migliore sistemazione.

I migranti, che sostavano in baracche gelide e degradate in prossimità della stazione degli autobus, hanno accettato l’offerta del governo di essere trasferiti in centri di accoglienza: “a tutti è stata offerta la possibilità di essere trasferiti in centri di accoglienza in cui vi è abbastanza spazio. Abbiamo offerto un posto ad ognuno di loro, e continueremo a farlo”, ha spiegato il Ministro Vulin.

Vulin ha aggiunto che diversi migranti in Grecia e Bulgaria sono andati incontro alla morte a causa delle rigide temperature, mentre in Serbia non sono stati segnalati casi del genere: “faremo del nostro meglio per continuare così”.

“Abbiamo sollecitato i migranti per permetterci di trasferirli in sistemazioni che offrono condizioni di vita normali, e per prenderci cura di loro. Abbiamo avuto l’opportunità di vedere che alcuni di loro hanno cercato di dipingere un quadro in cui risultano essere stati abbandonati da tutti e che sono state le autorità serbe a volervi in queste baracche. Abbiamo intenzione di continuare ad essere buoni padroni di casa e, su iniziativa del premier serbo Aleksandar Vucic, vogliamo che ogni singolo migrante non viva più in strada, nessuno dovrebbe farlo con questo freddo”, avrebbe dichiarato il Ministro degli Interni Nebojsa Stefanovic.

Il capo dell’ufficio UNHCR in Serbia, Hans Friedrich Schodder, ha precisato all’agenza di stampa Tanjug che il governo ha offerto a migranti e rifugiati il trasporto per una migliore sistemazione per due giorni.

(Blic, 17.01.2017)

http://www.blic.rs/vesti/drustvo/250-migranata-napustilo-barake-u-centru-beograda/5c97myf

Foto di copertina: Darko Vojinovic, AP

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... Belgrado, rifugiati
A Belgrado il Festival del Cinema Europeo

Centrale a biomasse a Belgrado: fondi dalla Svizzera

Chiudi