Belgrado e Pristina non raggiungono un accordo a Bruxelles

I colloqui sotto gli auspici del dialogo tra Belgrado e Pristina sulla decisione del Kosovo di vietare l’uso del dinaro serbo, tenutisi giovedì a Bruxelles, non hanno prodotto un accordo.

Giovedì mattina a Bruxelles si è tenuto un incontro bilaterale tra il capo dell’Ufficio governativo serbo per il Kosovo e la Metochia Petar Petkovic e il rappresentante speciale dell’Unione Europea (UE) per il dialogo Miroslav Lajcak, seguito poi da un incontro trilaterale.

Ci si aspettava una riunione congiunta delle due parti, soprattutto dopo l’annuncio di Lajcak di organizzare l’incontro per raggiungere un accordo.

La delegazione di Pristina era guidata dal suo capo negoziatore Besnik Bislimi.

È la quarta volta in poco più di un mese che si tengono a Bruxelles colloqui tra Belgrado e Pristina, con la mediazione dell’UE, sul divieto di utilizzo del dinaro serbo in Kosovo.

Il 25 marzo Lajcak ha dichiarato che i capi negoziatori del Kosovo e della Serbia hanno presentato le loro proposte riguardo al regolamento della Banca Centrale del Kosovo (CBK) che vieta l’uso del dinaro in Kosovo e che le discussioni hanno contribuito a “chiarire importanti dettagli”.

Petkovic ha dichiarato, dopo l’incontro del 25 marzo a Bruxelles, che a Pristina manca la volontà politica di trovare una soluzione alla questione del dinaro.

(Naslovi.net, 05.04.2024)

https://naslovi.net/2024-04-04/rtv/briselski-pregovori-bez-resenja-o-koriscenju-dinara-na-kim/36218184

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top