Beldocs: più di 30 film al Festival Internazionale del Film Documentario di Belgrado

di Elena Grammatica

Dall`8 al 14 maggio nell`ambito del Festival Internazionale del Film Documentario saranno proiettati 34 film tra produzioni serbe e straniere.

I film sono stati selezionati dal fondatore e direttore della manifestazione Mladen Vusurovic e dai registi Darko Lungulov e Aleksandar Hadzi-Djurovic.


Il programma del festival è composto di 6 unità: Programma del concorso serbo, Programma internazionale, 3D, il Beldocs sostiene, Kosovo e Metodia in evidenza, e Fuori Concorso. Il programma speciale sarà dedicato al centenario della Seconda Guerra Mondiale.

Il festival aprirà le porte ufficialmente a Sava Centar alle ore 19 con la prima del documentario „L`allenatore Zoran e le sue tigri africane“ del regista britannico Sam Benstead. Il film segue la storia di Zoran Djordjevic, un esperto allenatore di calcio, nel suo percorso per formare la prima squadra nazionale nel neo-stato del Sud Sudan .

Storyville A Balkan Cloughy … Coach Zoran with his African Tigers


Alle ore 21 seguirà la proiezione di „Il mio mestiere“del regista serbo Mladen Maticevic sulla vita del cantautore croato Arsen Dedic.

Quest`anno al Beldocs saranno presentati anche 4 film tedeschi, tra i quali il progetto in 3D „Le cattedrali della cultura“, che parla dell`anima delle costruzioni e che è stato presentato al Festival di Berlino.

Il documentario tedesco „Canto dal bosco“ di Michael Obert, vincitore del Festival del film documentario di Amsterdam, racconta invece una storia di scontro tra alberi e grattacieli.
Dal Festival di Berlino arriva anche il film „Mamma e Papà„ (Amma und Appa) diretti da Jayakrishnan Subramanian e Franziska Schoenenberger. Le parole „amma“ e „appa“ sono i termini tamil per mamma e papà e il film racconta la vicenda di due coppie, una tedesca e una indiana, che si incontrano quando i loro figli si innamorano e vogliono fare un documentario sull`incontro delle due culture.

1529866_554858944610786_1193480008_o

Grazie all`appoggio del Goethe Institut il pubblico potrà vedere anche il documentario di Mark Bauder „Il signore dell’universo“, in cui si svolge una conversazione con l`uomo che guadagna alcuni milioni di euro al giorno. Il film offre la possibilità di vedere da una prospettiva interna un mondo parallelo megalomane e pseudo-religioso.

La manifestazione Beldoks si concluderà il 14 maggio con la cerimonia di distribuzione dei premi e la proiezione del film vincitore dell`Oscar per il miglior film documentario „A qualche metro dalla notorietà“ del regista americano Morgan Neville. Il documentario racconta le vite di un gruppo di coriste, persone che hanno cantato in pezzi famosissimi e accanto a celebrità globali ma che non conosce praticamente nessuno, dato che negli anni non si sono costruite una carriera da soliste.

Caitrin Rogers, Morgan Neville

Dopo Belgrado, i film migliori saranno proiettati in un ventina di città e paesi della Serbia, nell`ambito del tour dal titolo „Beldocs Eco“.

1512378_649498651797181_9028159422870935089_n

 

 

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top