Bank of China attiva in Serbia dal 2017

Bank of China riceverà una licenza completa per entrare in funzione all’inizio del 2017 in Serbia, primo paese dei Balcani ad ospitare una delle più grandi banche del mondo, la quinta per totale attivo.

Secondo quanto ha comunicato la Banca centrale della Serbia lunedì, a seguito dell’ottenimento della licenza preliminare la scorsa settimana, Bank of China dovrebbe ora entrare in funzione nei primi mesi del 2017.

Jorgovanka Tabakovic, Governatrice della Banca centrale della Serbia, ha reso noto che, entro la fine di quest’anno, Bank of China sarà completamente registrata e autorizzata alle operazioni a partire da gennaio, dopo aver inoltrato la richiesta iniziale per l’apertura di un ufficio a giugno.

“Sono orgogliosa che una delle cinque banche più grandi del mondo stia arrivando in Serbia e la velocità con cui la licenza preliminare è stata concessa rivela molto su questa banca e sulla sua cooperazione con la Banca centrale della Serbia”, ha affermato Tabakovic nel corso di una conferenza stampa.

L’ufficio della banca in Serbia non sarà solo al servizio delle aziende in Serbia, ma costituirà anche la sede principale da cui condurre affari con gli altri paesi dei Balcani e con la Grecia.

La Cina sta espandendo la sua influenza in Serbia con progetti a lungo termine relativi ad investimenti nel settore industriale ed in quello delle infrastrutture.

La maggior parte degli accordi sono stati conclusi quest’anno, compresi l’investimento finalizzato alla modernizzazione delle acciaierie di Smederevo, concordato tra il Governo serbo e la società Hesteel nel mese di giugno 2016, ed la partecipazione al finanziamento per la costruzione di una linea ferroviaria ad alta velocità tra Belgrado e Budapest, annunciata dalle autorità serbe, ungheresi e cinesi all’inizio di novembre.

Mentre, in via preliminare, Bank of China servirà solo aziende cinesi e serbe, l’economista Ljubisa Savic sostiene che “in pochi anni, inizierà probabilmente a lavorare con il pubblico in generale”. Interpellato dall’agenzia di stampa Tanjug, Savic ha affermato che la Bank of China rafforzerà la presenza di Pechino in Serbia, giocando un ruolo importante nel finanziamento di progetti di investimento nel paese, per una cifra che potrebbe ammontare a circa 1,7 miliardi di dollari.

(BalkanInsight, 22.11.2016)

http://www.balkaninsight.com/en/article/bank-of-china-set-to-start-serbia-operation-11-22-2016-1#sthash.m2z8GdWj.dpuf

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Bank of China, Cina, investimenti esteri
Orban: partecipiamo alla crescita economica della Serbia

EUROFIBER aprirà fabbrica a Cuprija

Close