Banca di Serbia: il debito estero cresce di 855 milioni di euro

Le riserve estere calano a 12,1 miliardi di euro.

Ad agosto il debito estero della Serbia è arrivato a 26,08 miliardi di euro, con un incremento di 855 milioni di euro rispetto al mese precedente, comunica la Banca Nazionale di Serbia (NBS, Narodna Banka Srbije).

L’ultimo rapporto della banca centrale evidenzia come il settore privato ha registrato un debito complessivo pari a 12,36 miliardi di euro, di cui 12,2 miliardi a lungo termine e il restante a breve. Il settore pubblico nello stesso mese aveva debiti esteri pari a 13,726 miliardi di euro, tutti a lungo termine. I debiti in eurobonds ad agosto ammontavano a 3,98 miliardi di euro mentre i debiti verso il club di Londra erano 290 milioni. 

Lo Stato serbo e le imprese assieme hanno registrato ad agosto 7,27 miliardi di debiti verso organizzazioni finanziarie internazionali, mentre verso le stesse il governo e le agenzie governative hanno registrato debiti complessivi per 3,9 miliardi.

NBS: le riserve in valuta estera calano a 12,1 miliardi di euro

Tra agosto e settembre le riserve estere compelssive in Serbia sono diminuite di 72 milioni di euro, arrivando a settembre a 12,1 miliardi. Secondo i dati presentati dalla banca centrale, ad agosto si è avuto il picco annuale di riserve estere con 12,17 miliardi di euro, mentre a settembre si sono registrati esattamente 12,099 miliardi, di cui 10,87 miliardi detenuti dalla Banca di Serbia e 1,22 miliardi detenuti dalle banche commerciali.

Rispetto a gennaio 2014 si verifica un incremento delle riserve in valuta estera di 150 milioni di euro.

A dicembre 2013 le riserve complessive di valuta estera del paese ammontavano a 12,1 miliardi di euro, di cui 11,18 miliardi proprie della Banca di Serbia e 0,91 miliardi nelle banche commerciali. 

(Politika, 31.10.2014)

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top