Avanti tutta per la “mini Schengen”

Il Presidente serbo Aleksandar Vucic e i Primi Ministri albanese e macedone Edi Rama e Zoran Zaev hanno raggiunto un accordo a Ohrid su misure concrete che contribuiranno allo sviluppo e alla crescita dei tre Paesi.

Si è deciso di introdurre un sistema che consenta di viaggiare tra i Paesi solo con la carta d’identità, e un permesso di lavoro congiunto che permetterà alle persone di lavorare in tutti e tre i Paesi senza procedure aggiuntive.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

Le aziende che arriveranno in uno di questi Paesi non dovranno preoccuparsi della forza lavoro, poiché saranno in grado di portare la manodopera qualificata richiesta da tutti e tre i Paesi senza procedure aggiuntive.

Il flusso rapido e gratuito delle merci sarà incoraggiato dall’introduzione, 24 ore non stop, di tutti i servizi di ispezione, con particolare attenzione all’ispezione fitosanitaria e veterinaria. Si prevede inoltre di consolidare e formare un pacchetto congiunto di documentazione necessaria per il transito delle merci all’interno degli Stati membri dell’accordo.

L’accordo prevede anche il riconoscimento reciproco delle qualifiche professionali all’interno di questi Paesi e incoraggia lo scambio di studenti e l’avvio di progetti comuni di ricerca e sviluppo.

Verrà quindi istituita una “mini Schengen”, vale a dire che gli stranieri che vanno a Belgrado possono recarsi negli altri Stati senza visti aggiuntivi e viceversa.

Pertanto, la Serbia e l’Albania, come previsto, introdurranno la possibilità di viaggiare ai propri cittadini nei rispettivi Paesi solo con una carta d’identità entro la fine dell’anno.

Serbia, Albania e Macedonia del Nord, inoltre, hanno in programma di rafforzare la cooperazione transfrontaliera nella lotta contro la criminalità transnazionale e il terrorismo attraverso la cooperazione nel campo della migrazione e dell’assistenza di emergenza.

I tre Paesi stabiliranno regole proprie in molti settori e miglioreranno la loro attrattiva e cooperazione, e questa iniziativa può quindi diventare la più importante iniziativa politica del 21° secolo, riferisce “Tanjug”.

All’incontro di ieri erano presenti anche il Presidente del Consiglio dei ministri della Bosnia-Erzegovina Denis Zvizdić e la Ministra dell’economia montenegrina Dragica Sekulić.

Il primo incontro trilaterale si è tenuto il 9 ottobre a Novi Sad.

https://www.ekapija.com/news/2686478/vucic-rama-i-zaev-dogovorili-konkretne-mere-za-razvoj-zajednickog-trzista-radne

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top