Aunde Group Italia raddoppia lo stabilimento di Jagodina

Aunde Group Italia, che ha aperto uno stabilimento per la produzione di interni e sedili per auto a Jagodina nel marzo 2014, aprirà un nuovo capannone di produzione il 10 maggio: è quanto reso noto dall’Assemblea della città, secondo la notizia diffusa dall’agenzia di stampa Tanjug.

L’inaugurazione del nuovo stabilimento di Aunde, alla presenza del Ministro degli Esteri, Ivica Dacic, del Sindaco di Jagodina e del Primo Consigliere dell’Ambasciata d’Italia a Belgrado, Sergio Monti.

Il capannone di produzione di Aunde Group rappresenterà un’estensione della fabbrica attuale, e i lavori di costruzione hanno preso avvio alla fine di ottobre 2016. Un totale di 400 nuovi lavoratori saranno impiegati nella nuova struttura, come concordato prima della costruzione.

L’inizio dei lavori è stato simbolicamente celebrato il 28 ottobre 2016 con la posa della prima pietra, alla presenza del Primo Ministro Aleksandar Vucic, del Vice Primo Ministro Ivica Dacic e del Sindaco di Jagodina Dragan Markovic Palma.

Il Ministero dell’Economia ha inoltre approvato il contributo di 3.461 euro di incentivi per dipendente per il nuovo stabilimento di Aunde Group Italia.

Nel corso della conferenza stampa organizzata in occasione della firma dell’accordo per la costruzione della nuova fabbrica, Dragan Markovic Palma ha aggiunto che Aunde ha stipulato un contratto di commissione con Mercedes e che tale accordo giustifica la costruzione della nuova struttura.

Lo stabilimento di Aunde Group Italia a Jogodina si trova nella zona industriale in Italijanska, strada così chiamata per la presenza operativa di tre fabbriche di investitori italiani. La fabbrica impiega attualmente 350 lavoratori.

(eKapija, 08.05.2017)

http://www.ekapija.com/website/en/page/1750671/Aunde-Italia-Group-to-open-new-production-hall-in-Jagodina-on-May-10-Jobs-for-additional-400-workers

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Aunde, industria automobilistica, Italia
Elektroremont: previsti investimenti italiani per 2 mln di euro

Beni culturali come risorsa economica: “Un ponte” tra Italia e Serbia

Close