Aumento drastico dei prezzi delle verdure!

In Serbia i prezzi delle verdure sono in costante aumento, mentre i prezzi della frutta sono calati del 12% rispetto al 2018, riporta l’Ufficio statistico della Repubblica di Serbia.

I prezzi sonno saliti per diversi tipi di verdura, circa il 20-30% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, mentre i prezzi di alcuni prodotti agricoli sono addirittura raddoppiati, scrive “Politika”.

Tra i prezzi record c’è quello delle patate, che esattamente un anno fa costavano 35 dinari, mentre ora al mercato a Belgrado vengono vendute a 60 dinari per chilogrammo, seguono poi i cetrioli che l’anno scorso costavano 110 dinari mentre ora costano 160 dinari. Probabilmente la sorpresa più grande per le famiglie è stato l’aumento del prezzo dei porri, i quali l’anno scorso si potevano comprare per 55 dinari mentre il prezzo attuale è di 160 dinari.

È interessante notare che i prezzi dei ortaggi di stagione più ricercati in questo periodo (cipolle, lattuga, e ravanelli) sono quasi gli stessi dell’inizio della primavera del 2018.

Queste informazioni provenienti dal più grande mercato cittadino di Belgrado sono state confermate dai dati dell’Ufficio statistico della Repubblica di Serbia, i quali hanno fornito un quadro più ampio delle tendenze dei prezzi di consumo. Secondo le ultime statistiche, a febbraio le verdure in Serbia erano del 33,7% più costose rispetto allo stesso periodo del 2018. Allo stesso tempo, la frutta è del 12% più economica.

Qual’è esattamente la causa di un tale aumento dei prezzi di mercato, che sorprende i ricercatori? Gli esperti sottolineano che il prezzo dei semi nella produzione stessa non potrebbe portare all’aumento così significativo dei prezzi delle verdure.

Considerando però la quantità di semi presenti sul mercato, si può concludere che la produzione interna è in calo e che questo può essere parte della ragione della crescita dei prezzi. Inoltre, secongo alcuni interlocutori del quotidiano “Politika”, è sempre più difficile trovare produttori pronti ad entrare nella produzione di semi.

Sulla crescita dei prezzi delle verdure ha avuto certamente l’impatto il problema della carenza di manodopera. Un numero significativo di agricoltori ogni anno fa fatica a trovare lavoratori sopratutto in Vojvodina, anche se la situazione è simmile anche nella Serbia centrale.

Sebbene tutto ciò possa portare all’aumento dei prezzi delle verdure, la maggior parte dei nostri colleghi esperti accusa il lobby delle importazioni che impone prezzi elevati, oltre al fatto che vengono esportate quantità significative di prodotti agricoli mentre la domanda interna rimane allo stesso livello.

Nella prima colonna ci sono i prezzi per il 2018, mentra nella seconda i prezzi attuali *

patate 35/60
-patate giovani 180/160
cavolo 35/80
cetriolo 110/160
-cavolfiore 130/150
aglio  30/30
pepe  210/250
-pomodori 135/175
porri 55/160
spinaci 80/100
zucchine 120/165
-pastinaca 100/170
-melanzane 180/130

https://www.blic.rs/vesti/drustvo/divljaju-sa-cenama-povrca-praziluk-je-proslog-proleca-kostao-55-dinara-a-sada-cak-160/59nzsc9?fbclid=IwAR0NwfxLns8omWr5v7NIOXftuBgqjZIe0el95QjpD_XwkV-0fZ2IjnN9on0

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Aumento prezzi, esportazioni, frutta, importazioni, prodotti agricoli
Rasim Ljajic:”Non abbiamo ottenuto tutto ciò che volevamo” – Concordato il testo dell’accordo con l’Unione euroasiatica

Nel mese di gennaio le esportazioni in Serbia sono cresciute del 3% e le importazioni dell’11,5%

Close