Aumentato il prezzo della benzina in Serbia

I prezzi del carburante in Serbia sono in media più alti di circa 10 dinari al litro rispetto a un mese e mezzo fa. Dopo diversi mesi durante i quali il carburante in Serbia era più economico e ad un certo punto aveva persino raggiunto il livello più basso degli ultimi cinque anni, gli automobilisti hanno ora riscontrato una tendenza opposta dall’inizio di luglio.

Vale a dire, la benzina e il diesel sono aumentati di dieci dinari al litro in poco più di un mese e gli esperti affermano che uno dei motivi è che le scorte di petrolio a basso costo, che le società hanno acquistato sul mercato globale durante la prima crisi del coronavirus, sono esaurite.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Un ulteriore motivo è l’aumento dell’accisa sul carburante, applicata dal 1° luglio.

Tuttavia, gli analisti sostengono che è difficile prevedere ulteriori movimenti di prezzo entro la fine dell’anno, perché in caso di una seconda ondata di pandemia o di una nuova possibile interruzione dell’economia e dei consumi giornalieri, potremmo aspettarci che benzina e diesel tornino a essere più economici.

Un ritorno a una situazione in cui vi sono grandi riserve di petrolio e una bassa domanda e consumo di prodotti petroliferi contribuirebbe sicuramente a questo.

Al giorno d’oggi la benzina in Serbia può essere acquistata a 134 dinari e il diesel a circa 143 dinari. Ricordiamo che alla fine di giugno la benzina costava 123 dinari e un litro di diesel circa 132 dinari.

Quindi, gli automobilisti devono pagare dieci dinari in più in media per un litro, e per un serbatoio pieno di 50 litri la somma arriva a 500 dinari in più.

Praticamente, se si va in vacanza in auto da qualche parte in Serbia in questi giorni, cosa che la maggior parte delle persone fa a causa della situazione attuale, ci sarà bisogno di un budget leggermente più alto. Ad esempio, se si va da Belgrado a Zlatibor o nei luoghi circostanti nella Serbia occidentale, circa 250 chilometri, a seconda dell’auto, dello stile di guida e delle condizioni stradali, si dovranno sborsare circa 300 dinari in più rispetto alla fine di giugno.

400 dinari in più costerà il viaggio fino a Stara Planina e ritorno, mentre se si va al nord a Palić, 150-200 dinari di differenza.

https://www.srbijadanas.com/biz/vesti/porast-cene-na-svetskim-berzama-i-veca-akciza-u-srbiji-od-1-jula-pogurali-cene-goriva-evo-kakve-bi-2020-08-05

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... Accise, Diesel, pandemia
“Air Serbia” vola di nuovo sull’Egitto

“Ryanair” riprende i voli da Nis a Berlino; a metà agosto anche verso Malta

Chiudi