Aumentati gli stipendi in Serbia, ma anche il costo della vita

Lo stipendio netto medio in Serbia è aumentato di circa il 10% in un anno, ma la quota di cibo e bevande nel consumo personale si aggira ancora sul 34%, mentre i prezzi dell’elettricità e delle tasse sulla proprietà sono più alti.

“Un terzo della popolazione in Serbia è ancora socialmente in pericolo e, sebbene forti misure statali, una parte significativa dei lavoratori perderà sicuramente il lavoro. Non si tratta solo di dipendenti nel turismo e nella ristorazione, ma anche in altri settori dell’economia. La Serbia, così come altri Paesi, sta pagando il prezzo della pandemia e le conseguenze, come il trasferimento della produzione, i trasporti più costosi, che si rifletteranno sicuramente sui prezzi”, afferma l’analista agroeconomico Vojislav Stanković.

Il Ministro delle Finanze, Siniša Mali, ha recentemente scritto sul suo profilo Instagram che lo stipendio medio in Serbia a dicembre dello scorso anno era superiore di 5.000 dinari rispetto a novembre.

“Lo stipendio medio nel nostro Paese a dicembre 2020 era di 562 euro, ovvero 66.092 dinari. Ciò significa che rispetto a novembre 2020 (60.926 dinari), lo stipendio medio netto è aumentato di oltre 5.000 dinari”, ha affermato il Ministro.

Lo stesso ha confrontato dicembre 2020 e dicembre 2019, sottolineando che lo stipendio medio in Serbia è aumentato di 6.370 dinari, ovvero il 10,6%.

Tuttavia, Stanković stima che la crescita dei costi comunali abbia sicuramente eliminato questa differenza, e che in Serbia si spenda di più per cibo e bevande analcoliche che nel resto d’Europa.

“Indipendentemente da questi dati, la quota di cibo e bevande nel consumo personale in Serbia è ancora intorno al 34%. Sebbene meno del 10% invece venga speso in Europa occidentale, continuiamo a ristagnare e registrare le spese maggiori per generi alimentari e bevande analcoliche. Le statistiche non registrano tutto, ma si sa che il costo della vita è aumentato notevolmente. Ogni cittadino lo sa. Il cibo è aumentato di prezzo, carne, frutta e altri prodotti alimentari. Il bilancio familiare stanzia anche di più per i costi fissi, bollette, elettricità, la tassa sulla proprietà sono più costose”, dice Stanković e aggiunge che la maggior parte dei soldi va ancora al cibo. La sua stima è che ogni giorno, in tutta la Serbia, in media, occorrano circa 2,5 euro pro capite per la spesa degli alimentari.

Secondo i dati statistici, i salari sono aumentati del 9,2% in termini reali, il che è previsto perché in quel periodo è aumentato anche il prezzo minimo del lavoro e sono aumentati i salari nel settore pubblico.

Sasa Djogovic, economista e autore del bollettino “Tendenze macroeconomiche in Serbia”, afferma che gli aumenti salariali di una tantum nel settore pubblico hanno contribuito a una crescita più pronunciata dei salari. Ciò significherebbe che c’è stato uno spostamento in avanti nel potere d’acquisto della popolazione. Tuttavia, il quadro statistico generale, quando si tratta della vita reale, non mostra alcun miglioramento significativo negli standard. Aggiunge che lo stipendio netto mediale a dicembre ammontava a 48.676 dinari, il che significa che metà dei dipendenti guadagnava fino a tale importo.

Secondo i dati dell’Ufficio statistico della Repubblica, lo stipendio netto medio nel dicembre dello scorso anno ammontava a 66.092 dinari. Lo scorso anno la crescita dei salari lordi rispetto allo stesso periodo del 2019 è stata del 9,5% in termini nominali, o del 7,8% in termini reali, mentre allo stesso tempo i salari netti sono aumentati del 9,4% in termini nominali e del 7,7% in termini reali.

http://www.politika.rs/sr/clanak/474041/Porasle-plate-ali-i-troskovi-zivota

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top