Aumentano i prezzi degli alimenti in Serbia

Gli effetti dell’aumento degli stipendi e delle pensioni saranno annullati dalle tendenze globali all’aumento dei prezzi degli alimentari: carne, olio, carburante, elettricità e servizi pubblici stanno diventando più costosi. Secondo i dati dell’Ufficio di Statistica, l’inflazione su base annua in Serbia è del 3,3%, il che significa che i prezzi sono di così tanto più alti rispetto a giugno dello scorso anno, scrive “Danas”.

Se a giugno la coscia di pollo era a 287 dinari, ora nei negozi si trova a 340-380 dinari, anche se si può trovare in vendita in alcune catene di vendita al dettaglio per 200 dinari. Un chilogrammo di carne di maiale ha raggiunto il prezzo di 400 dinari, in offerta, a 550 dinari regolarmente. Un chilo di manzo è passato da 610 dinari, quanto costava a giugno, a 700-730 dinari.

L’olio a 176 dinari a giugno, ora costa 1/3 in più rispetto allo stesso mese dell’anno scorso. Altri alimenti di base, come latte, yogurt, farina e pane, sono rimasti per lo più stagnanti nell’ultimo anno, secondo “Danas”. Oltre al cibo, anche le bevande alcoliche sono aumentate di prezzo: il vino del 6,6% e gli alcolici del 4,9%.

Questa tendenza al rialzo non c’è solo in Serbia. Secondo Milojko Arsić, professore alla Facoltà di Economia di Belgrado, fa parte di una tendenza globale. “A tal proposito, la Serbia ha un surplus di cibo. L’anno scorso abbiamo avuto la migliore combinazione: buona resa e prezzi elevati, quindi nel primo trimestre di quest’anno abbiamo avuto un surplus negli scambi. Tale aumento dei prezzi si ripercuote sui nostri consumatori”, afferma Arsic.

Secondo lui, l’esempio migliore è l’aumento dei prezzi dell’olio causato dai prezzi all’estero quando gli esportatori serbi non volevano vendere l’olio nel Paese a prezzi più bassi che all’estero. Non è chiaro quale sia la causa dell’aumento dei prezzi: un disturbo del mercato, ad esempio dovuto all’interruzione della catena di approvvigionamento dovuta alla pandemia, i prezzi che spingono verso l’alto l’espansione fiscale e monetaria in tutto il mondo o un eccesso di denaro disponibile.

https://www.021.rs/story/Info/Biznis-i-ekonomija/281784/Poskupljenja-u-Srbiji-posledica-rasta-cena-u-svetu-sta-nas-ceka-na-jesen.html

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top