ASNS: “Problemi economici ancora più gravi nel 2021”

Secondo l’ASNS (Associazione dei sindacati liberi e indipendenti) nel 2021 l’economia serba dovrà affrontare gravi problemi a partire da gennaio, quando finiranno i sussidi e la moratoria sul rimborso dei prestiti.

La Serbia ha una popolazione di 6.926.705. Secondo l’Ufficio di Statistica, 51.753 bambini sono nati e 86.978 sono morti a settembre di quest’anno, quindi la popolazione della Serbia è diminuita di 18.500 unità rispetto al 2019 e di 240.000 rispetto al 2012, afferma il documento.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

“Quest’anno è iniziato con una crescita del PIL atipicamente elevata del 5,1% cosa che ha promesso una crescita economica spettacolare con tutte le conseguenze positive che ne derivavano, ma l’improvvisa epidemia di Covid (minore rispetto alle cifre attuali) ha portato a un forte calo del PIL del 6,4%”.

Nel terzo trimestre, con l’allentamento delle misure, c’è stata una parziale ripresa dell’economia e una crescita dell’1,4%.

Nonostante le ampie oscillazioni e un calo nel secondo trimestre del 6,5%, la produzione industriale nel periodo gennaio-ottobre è aumentata dello 0,3%. La stabilizzazione è stata influenzata in modo determinante dalla produzione di elettricità e dall’industria di trasformazione, che ha registrato una crescita permanente (4,1% a settembre).

Nel commercio estero, il calo è stato di 28 miliardi di dollari o del 7,8%.

“Sono state esportate circa 12 miliardi di dollari in meno di merci (in calo dell’8,4%) e sono state importate meno merci per un valore di 16,1 miliardi di dollari (in calo del 7,4%). Il deficit della bilancia dei pagamenti è di 1,7 miliardi di dollari, cioè meno 300 milioni di dollari, ovvero il 15,4% rispetto al deficit dei pagamenti del 2019”.

Il volume del traffico passeggeri è diminuito del 31% e il numero di passeggeri è diminuito del 42%. Il traffico ferroviario è diminuito del 46%, il traffico stradale del 3,1% e il traffico aereo del 60%.

Il flusso netto totale di investimenti esteri è stato di 2,3 miliardi di euro. Gli investimenti diretti esteri sono ammontati a 1,7 miliardi di euro e l’afflusso sulla base dei non residenti in Serbia è stato pari a 1,8 miliardi di euro. Gli investimenti esteri sono diminuiti in modo significativo, in media del 34%. Solo gli investimenti di portafoglio sono aumentati e ammontano a 1,3 miliardi di euro.

Le riserve di valuta estera della NBS sono diminuite di 325 milioni di euro e le riserve di valuta delle banche sono aumentate di 500 milioni di euro.

L’inflazione quest’anno è dell’1,8%. Lo stipendio medio è aumentato nominalmente del 9,4%, e in termini reali del 7,7%, e ammontava a 82.515 dinari a settembre 2020, cioè 59.698 dinari al netto di tasse e contributi. Lo stipendio mediano, che è il miglior indicatore dell’ammontare degli stipendi dei dipendenti, è inferiore di 13.881 dinari a quello medio (23%) e ammonta a 45.817 dinari.

“Le previsioni sulle tendenze economiche nel 2021 dipendono in modo cruciale dal controllo e dalla gestione dell’epidemia fino alla vaccinazione di massa e all’immunizzazione della popolazione, che, con ogni probabilità, non avverrà in Serbia nel 2021”, afferma l’analisi.

Una normalizzazione economica sarà possibile, nella migliore delle ipotesi, solo alla fine del 2021, con i primi effetti solo nel 2022.

Ekonomska analiza ASNS: U 2021. još ozbiljniji problemi

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... ASNS, COVID, economia
Il 53% dei serbi si aspetta un 2021 difficile; il 23% crede in un anno migliore

Perché l’aumento del prezzo del test PCR da 6000 a 9000 dinari?

Chiudi