Arrivate sei offerte per la privatizzazione di Telekom- licenziamenti inevitabili

Il ministro del commercio e delle telecomunicazioni Rasim Ljajic ha detto che il ministero ha ricevuto sei offerte per l’acquisto di “Telekom Srbija”. Inoltre, Ljajic ha confermato che tra questi sei offerte sarà scelta la migliore.

“Questo modelo risulta buono, visto che ci sono sei offerenti. Abbiamo cercato di dare informazioni che non avranno influenza sulla privatizzazione”, ha detto Ljajic, indicando che l’obiettivo è aumentare il prezzo di vendita, nonchè la concorrenza. Inoltre, Ljajic ha aggiunto che dopo due settimane d’analisi il ministero avrà la lista di tutti offerenti valorizzati secondo il prezzo offerto per l’acquisto del 58 % delle quote.

“Siamo contenti per questo interesse. Quattro anni fa, quando abbiamo provato a vendere “Telekom”, è arrivata solo una offerta che non era soddisfaciente”, ha detto Ljajic per la Radio Televisione di Vojvodina (RTV).

Ljijic ha detto che non può rendere pubblici i nomi delle aziende che hanno mandato le offerte per l’acquisto della parte maggioritaria delle quote di “Telekom”. “L’atteggiamento dei consulenti per la privatizzazione è non scoprire i nomi per avere una offerta di qualità e per aumentare la concorrenza”, ha detto Ljajic.

Oltre al prezzo la lista degli offerenti sarà redatta in base agli altri due fattori importanti: il programma sociale e il programma di investimenti. “Se nessuna delle offerte sarà soddisfaciente, non venderemo “Telekom” o chiederemo di mandarci le offerte reviste. L’altra opzione è scegliere il miglior offerente e continuare le trattative nei prossimi 30-40 giorni”, ha detto Ljajic.

Alla domanda se il programa sociale comprende anche i licenziamenti dopo la privatizzazione di “Telekom”, Ljajic ha risposto che questo è inevitabile. “Non diciamoci bugie: “Telekom” dà lavoro a 9000 dipendenti, mentre con i dipendenti in Repubblica  Serba e Montenegro questo numero ammonta a 13000. Dall’altra parte, i suoi concorrenti Telenor e VIP hanno molto meno dipendenti. Nessuno può sostenere un numero così alto dei dipendenti. Molti di loro avranno importanti indennità di licenziamento finora”, ha affermato Ljajic.

Secondo Ljajic, Telekom ha una quota di 44% nel mercato nazionale, però i suoi utili sono minori rispetto al suo concorrente “Telenor”, proprio per il numero dei dipendenti così alto.

Il ministro dell’economia, Zeljko Sertic ha valutato che le sei offerte arrivate sono un segnale positivo, aggiungendo che non può rilasciare commenti, però che tutto sarà trasparente fra un paio di giorni.

(Beta, 18.11.2015.)

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top