Arrestato l’informatore che ha diffuso la notizia sul coinvolgimento del padre del Ministro Stefanovic nel traffico di armi

Secondo quanto riferito da “NIN”, la persona che avrebbe fornito ai giornalisti informazioni secondo cui il padre del Ministro della polizia, Nebojsa Stefanovic, Branko, sarebbe implicato nel traffico di armi, è stata condannata a 30 giorni di prigione. Si tratta di A.O., un esperto dell’IT dello stabilimento di Krusik, accusato di rivelazione di segreti d’ufficio.

Il settimanale scrive che la decisione del governo è arrivata dopo la pubblicazione del testo sul traffico di armi nel portale internazionale “Arms watch”, al fine di determinare in che modo i documenti compromettenti abbiano raggiunto la stampa. Lo stesso sito è divenuto presto il bersaglio di un attacco dei “DDoS”, motivo per cui l’articolo in cui si parlava di Branko Stefanovic non è più visibile da giorni in Serbia. “Arms watch” afferma che gli attacchi degli hacker sono arrivati dalla Serbia.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

Dopo l’arresto di A.O., un esperto di informatica presso lo stabilimento di Krusik, il giudice preliminare ne aveva ordinato gli arresti domiciliari, ma la decisione è stata annullata dopo l’appello dell’accusa. La Camera extra-processuale della corte superiore di Belgrado ha ordinato infatti la detenzione carceraria del sospetto A.O. dal giorno 27 settembre per una durata di 30 giorni; l’uomo è attualmente in una prigione del distretto di Belgrado.

La sua detenzione è addirittura determinata da tre ragioni: rischio di fuga, di ripetere il crimine e influenzare i testimoni. “NIN” ricorda che l’opinione pubblica non è stata informata di questo caso, come di solito viene invece fatto dal “MUP” e dall’accusa.

Il settimanale “NIN” afferma inoltre che la “cosa che fa più male” probabilmente alle autorità è la pubblicazione del documento che mostra che uno dei rappresentanti della società GIM, una società che esporta armi e attrezzature militari, è Branko Stefanovic. Prima “BIRN” e poi “Arms Watch” hanno pubblicato anche il documento che conferma che Branko Stefanovic ha fatto visita alla fabbrica di Krusik.

Suo figlio, Nebojsa, che è l’attuale Ministro degli Interni, ha detto ai media che suo padre non era il proprietario della GIM, cosa che nessuno sosteneva, mentre il Presidente Aleksandar Vucic non vede nulla di strano sul fatto che la Serbia venda armi.

NIN: Uhapšen uzbunjivač koji je dao informacije o umešanosti oca ministra Stefanovića u trgovinu oružjem

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top