Arrestato in Montenegro Antonio Facchinetti, amministratore della Pizzarotti

Antonio Facchinetti, uno degli amministratori della società italiana “Pizzarotti”, principale appaltatore del progetto “Portonovi”, è stato arrestato ieri sera in Montenegro su ordine della Procura speciale dello Stato, secondo quanto riferito oggi dal giornale “Vijesti”, con sede a Podgorica. Questa società italiana, tra l’altro, ha firmato un contratto per la costruzione della Torre (Kula) del progetto “Beograd na vodi” nel 2018.

Secondo “Vijesti”, i membri del dipartimento di polizia speciale hanno ammanettato il direttore della società Pizzarotti con l’accusa di aver abusato della propria posizione negli affari. L’altro socio, si troverebbe in Italia. La società italiana avrebbe “preso” più di 21 milioni di euro dal Montenegro attraverso società collegate, mentre, secondo “Vijesti”, avrebbe lasciato debiti ai subappaltatori coinvolti nel progetto per milioni.

Tre anni fa, l’azienda “Pizzarotti” aveva firmato un contratto con l’azienda “Belgrade Waterfront”, per la costruzione della Torre di Belgrado, alta 40 piani, ed era stata annunciata come “una delle più importanti aziende italiane nel settore delle costruzioni, che sta diventando leader nel mercato internazionale per grandi e complesse opere edili, nonché per grandi progetti infrastrutturali”.

Tra i progetti più significativi della società, spicca il “Portonovi Resort Montenegro” in Montenegro, e i grattacieli “Marriott AC Hotel, 1 Seaport e 45 Broad Street” a New York.

“Vijesti” in precedenza aveva scritto delle sospette relazioni commerciali tra gli investitori del progetto “Portonovi” a Kumbor, l’azienda “Azmont”, il principale appaltatore, l’azienda italiana “Pizzarotti” e un certo numero di altre aziende nazionali ed estere impegnate nella subfornitura, denunciando molti problemi, tra cui i pagamenti non avvenuti ai subappaltatori per il lavoro svolto.

Secondo quanto riferito, ciò è stato confermato ufficiosamente a “Vijesti” da diverse società nazionali e straniere che erano o sono tuttora impegnate come subappaltatori nella costruzione del complesso turistico di lusso che gli investitori azeri stanno costruendo sul sito di un’ex caserma militare.

 

Uhapšen direktor italijanske kompanije koja je gradila i Kulu u Beogradu na vodi

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top