Apre la turca “Teklas automotive”, investimento da 11,35 mil euro

Ieri a Vladicin Han, il presidente del governo serbo Aleksandar Vucic ha aperto la fabbrica dell’investitore turco “Teklas automotive” che produce i pezzi di ricambio per l’industria automobilistica e il cui investimento totale sarà 11,35 milioni di euro.

In occasione dell’apertura ufficiale di questa azienda che intende assumere 1.200 persone erano presenti il primo ministro Aleksandar Vucic e l’ambasciatore della Turchia a Belgrado, Mehmet Kemal Bozay. Il primo ministro ha annunciato altri investimenti in questa regione della Serbia, nonchè arrivo degli altri investitori dalla Turchia.

Vucic ha ricordato che il Governo ha donato 4,7 milioni di euro di sovvenzioni per dare un futuro ai cittadini di Vladicin Han. “Questo è un giorno grande non solo per Vladicin Han, ma anche per le regioni Pcinjski e Jablanicki, nonchè per l’intera Serbia”, ha detto Vucic.

Vucic, indicando che negli ultimi anni sono state distrutte tutte le fabbriche in questa parte della Serbia, nonchè il numero dei cittadini si è ridotto da 28.000 a 21.000, ha comunicato che questa città diventerà il posto dove le persone possono trovare lavoro e viverci.

Inoltre, il primo ministro ha detto che questa fabbrica produrrà pezzi di ricambio per “Mercedes”, “BMW”, “Audi”, “Volkswagen” e “Skoda”, i migliori produttori europei, nonchè ha una perspettiva di allargare la sua produzione ed aprire nuove fabbriche a Vladicin Han.

Vucic ha dichiarato che è molto importante finire la costruzione delle strade più importanti in questa parte della Serbia per attrarre nuovi investitori.  

L’investimento sarà concluso fino al 2018, quando dagli oltre 400 assunti nel primo trimestre si aspetta di arrivare fino a 1200 dipendenti e raggiungere un utile di 20 milioni di euro.

Moris Darar, direttore generale dell’azienda turca “Teklas automotive” ha detto che questa compagnia ha deciso di investire in Serbia per le condizioni favorevoli, la forza di lavoro qualificata, i competitivi, nonchè per l’aiuto e il sostegno del Governo serbo.

L’Ambasciatore turco, Mehmet Bozay ha ricordato che i primi ministri di ambedue i paesi hanno concordato a dicembre 2015 di aprire questa fabbrica quanto prima, indicando che la Serbia e la Turchia sono entrambe sulla loro strada europea, nonchè questa collaborazione assicurerà a loro una miglior posizione.

(RTS, 07.04.2016.)

 

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... Aleksandar Vucic, investimenti, investimenti esteri
L’italiana “Tiesse” apre fabbrica a Sabac

“Leoni” interessata di aprire a Trstenik- possibile investimento di 20 mil euro

Chiudi