Approvato il bilancio della Serbia per il 2014

Il Parlamaneto serbo ha approvato la legge di bilancio per il 2014 con 134 voti a favore e 40 voti contrari.

Il bilancio così approvato prevede entrate complessive per 929,94 miliardi di dinari e uscite per 1113 milirdi, con un deficit di 183 miliardi, pari al 4,6% del Pil.

La proposta di bilancio ha previsto un debito pubblico a 662,5 miliardi di dinari, usato per finanziare il deficit e gli impegni verso i creditori nazionali e internazionali. Si prevede che lo Stato serbo richiederà da parte di Stato esteri e istituzioni finanziarie internazionali fino a 264,04 miliardi di dinari mentre 330 miliardi dovrebbe derivare dall’emissione di titoli di Stato sul mercato domestico e 68,53 miliardi da titoli di stato emessi proposti ai mercati internazionali.

Gli interessi sul debito sono previsti in crescita del 24,5%, con una spesa complessiva pari a 114 miliardi di dinari.

Il bilancio dello Stato serbo per il 2014 è stato impostato prevedendo una crescita del Prodotto Interno Lordo al massimo dell’1% e un’inflazione dello 0,5%. I consumi privati sono previsti in calo dell’1,8%, gli acquisti da parte dello Stato in calo del 2,2% mentre gli investimenti dovrebbero crescere del 4,6%. Pensioni e stipendi pubblici fruiranno di due tornate di incrementi, ciascuna dello 0,5%, ad aprile e a ottobre.

Rispetto alla revisione del bilancio 2013 i sussidi caleranno del 3,5%, a 80,8 miliardi.

Le esportazioni sono previste in crescita del 6,4% mentre le importazioni dell’1,5%.

A favore della legge bilancio hanno votato tutti i parlamentari della coalizione di maggioranza, più gli eletti del gruppo SPO-DHSS e alcuni parlamentari a titolo personale, tra cui l’ex ministro degli esteri Vuk Jeremic.

(RTS, 13.12.2013)

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top