Il portale per i permessi di soggiorno e di lavoro non è ancora operativo

Il Centro per i diritti umani di Belgrado afferma che il 1° febbraio è iniziata l’attuazione delle nuove disposizioni della Legge sull’impiego degli stranieri, nonché la richiesta online per il rilascio dei permessi di soggiorno/lavoro.

Tuttavia, i datori di lavoro non possono ancora effettuare i relativi pagamenti e presentare una richiesta di permesso di soggiorno unico per conto dei dipendenti tramite l’applicazione.

La legge prevede che i cittadini stranieri in Serbia possano richiedere un permesso di lavoro temporaneo in un’unica soluzione presso il Ministero degli Interni e che questi permessi possano ora essere rilasciati online.

Il Centro per i diritti umani di Belgrado avverte che le istituzioni competenti non hanno detto nulla per risolvere il problema realtivo alle domande presentate, né hanno offerto una soluzione alternativa.

Il Centro aggiunge che le persone che hanno ottenuto l’asilo in Serbia dal 1° febbraio non hanno bisogno di un permesso di lavoro e di procedure amministrative complicate.

Gli emendamenti alla legge in questione prevedono anche che le persone con residenza temporanea in Serbia per motivi umanitari possano avere accesso al mercato del lavoro se sono vittime di traffico di esseri umani, violenza di genere e altri motivi di natura umanitaria.

(Nova Ekonomija, 19.02.2024)

https://novaekonomija.rs/vesti-iz-zemlje/zaposljavanje-stranaca-aplikacija-za-boravisne-dozvole-nije-proradila

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top