Aperte le offerte per la discarica di Vinca: qualificate anche due imprese italiane

Le offerte per la gestione in partnership pubblico-privata della discarica di Vinca sono state aperte ieri, 15 ottobre, nel Palazzo Vecchio e il Sindaco di Belgrado Sinisa Mali ha comunicato ai giornalisti che sono state accettate come valide 11 offerte.

“Sono molto contento delle rispste degli investitori, che conferma che questo è il più grande progetto di questo tipo attualmente in Europa. La città di Belgrado è molto impegnata a risolvere il problema ultradecennale della discarica di Vinca, come anche ad attrarre investimenti attraverso le partnership pubblico-private. In collaborazione con l’International Finance Corporation, che è nostro consulente nel progetto, abbiamo preparato un bando di gara molto dettagliato e trasparente, in accordo con tutti gli standard internazionali più avanzati”, ha dichiarato Mali, aggiungendo che la commissione di gara valuterà le offerte considerate valide entro 25 giorni, dopo di che per esse inizierà la seconda fase, con la pubblicazione del bando esclusivo.

“A seconda del numero delle offerte qualificate, crediamo che il contratto verrà siglato nella seconda metà del 2016. Oggi si tratta di un grande successo, perché è la dimostrazione sta tornando la fiducia degli investitori internazionali  verso Belgrado e la Serbia e che quindi stiamo sulla buona strada”, ha chiosato sempre Sinisa Mali.

Tra le 11 società qualificate anche le italiane “Feom Ciro Frisoli & C.Sas” e C.I.S.A., assieme alle tre imprese francesi “Suez Environnement” , “Vinci Environnment” e “Veolia”, le greche “Valoriza/Ternaenergy” e “Helector”, la tedesca “WTE Wassertechnik/Jessen”, la spagnola “Urbaser”, la russa “Innovative Design Bureau Ecological Technologies”, la serba “Beootpad d.o.o.”.

(EKapija, 16.10.2015)

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top