AP: “La Cina ha consegnato un sofisticato sistema antiaereo alla Serbia”

Secondo l’Associated Press (AP), la Serbia avrebbe ricevuto questo fine settimana un sofisticato sistema antiaereo cinese in un’operazione semi-segreta; tra le preoccupazioni occidentali c’è che l’accumulo di dispositivi militari nei Balcani durante la guerra in Ucraina possa minacciare la fragile pace nella regione.

I media e gli esperti militari hanno affermato domenica che sei aerei da trasporto cinesi Y-20 erano atterrati all’aeroporto civile di Belgrado sabato mattina presto, presumibilmente trasportando sistemi missilistici terra-aria cinesi HK-22 destinati all’esercito serbo. Aerei cargo cinesi con insegne militari sono stati poi fotografati all’aeroporto “Nikola Tesla” di Belgrado. Il Ministero della Difesa serbo non ha per ora risposto alla richiesta di un commento da parte dell’AP.

Gli esperti vedono la consegna di armi attraverso i territori di almeno due Stati membri della NATO, Turchia e Bulgaria, come una dimostrazione della crescente portata globale della Cina. “L’apparizione degli Y-20 ha destato preoccupazione perché volavano insieme, a differenza dei precedenti voli dove c’era solo un aereo”, scrive la rivista online “The War zone”. “Anche la presenza dell’Y-20 in Europa è ancora in uno sviluppo abbastanza nuovo”.

L’analista militare serbo Aleksandar Radic ha affermato che “i cinesi hanno fatto una dimostrazione di forza”. Il Presidente serbo Aleksandar Vucic ha quasi confermato la consegna del sistema a medio raggio concordato nel 2019, rivelando sabato scorso che presenterà “l’ultimo orgoglio” dell’esercito serbo entro martedì o mercoledì.

In precedenza lo stesso si era lamentato del fatto che i Paesi della NATO, che rappresentano la maggior parte dei vicini della Serbia, si rifiutano di consentire voli di sistema sui loro territori a causa dell’aggressione della Russia contro l’Ucraina. Sebbene la Serbia abbia votato a favore delle risoluzioni delle Nazioni Unite che condanna gli attacchi russi in Ucraina, ricorda l’AP, il Paese si è rifiutato di aderire alle sanzioni internazionali contro i suoi alleati a Mosca o di criticare direttamente i crimini commessi dalle truppe russe.

Nel 2020, i funzionari americani avevano avvertito Belgrado sull’acquisto di sistemi antiaerei HK-22, la cui versione da esportazione è nota come FK-3, sostenendo che se la Serbia vuole davvero entrare a far parte dell’Unione Europea e di altre alleanze occidentali, deve armonizzare il suo equipaggiamento militare con gli standard occidentali. Il sistema missilistico cinese è ampiamente paragonato alla difesa aerea americana Patriot e ai sistemi missilistici terra-aria russi S-300, sebbene abbia una portata più breve rispetto al più avanzato S-300. La Serbia sarà il primo Paese a far uso di missili cinesi in Europa.

Photo credits: “Snapshot”

https://www.danas.rs/vesti/drustvo/ap-kina-polutajno-isporucila-oruzje-srbiji/

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top