Ansia e depressione tra le conseguenze del COVID; colpiti giovani e donne

La direttrice della clinica “Dr Laza Lazarević”, Ivana Stašević Karličić, ha riferito sull’aumento del numero di chiamate alle linee di soccorso istituite dopo lo scoppio della pandemia; gli adolescenti stanno diventando un gruppo sempre più critico mentre le donne chiamano principalmente per problemi di depressione.

“Solo due mesi dopo lo scoppio della pandemia, il direttore dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) aveva affermato che l’impatto della pandemia sulla salute mentale delle persone sarebbe stato preoccupante. In Serbia, ancor prima era stato fatto un piano e istituita una linea telefonica gratuita per aiutare i cittadini. Dal 16 marzo dello scorso anno, più di 12.500 cittadini hanno chiesto aiuto attraverso quel servizio”, ha detto la direttrice della clinica “Dr Laza Lazarevic”.

All’inizio della pandemia, l’OMS aveva avvertito del grande pericolo di un aumento dei tassi di depressione e ansia, e il Ministero della Salute serbo anche prima aveva adottato un piano per aiutare i cittadini con disturbi mentali.

“Dal 16 marzo dello scorso anno, quando è stato istituito il servizio telefonico gratuito, più di 12.500 cittadini hanno chiesto aiuto, e circa 11.000 hanno chiamato la linea di prevenzione del suicidio. La telemedicina è stata utilizzata al massimo. La maggior parte delle donne ha chiamato per problemi legati alla depressione, e le domande sono cambiate a seconda dei problemi che avevano prima e che sono cambiati durante l’epidemia”.

Ciò che preoccupa è il gran numero di problemi tra gli adolescenti, motivo per cui all’interno della linea di assistenza è stata aperta un’opzione per questo gruppo estremamente vulnerabile. “Loro si lamentano soprattutto del rapporto in famiglia, dei problemi con i coetanei, dei problemi a scuola e l’idea del suicidio sta crescendo rapidamente in questo gruppo”, ha sottolineato la Karlicic.

I primi episodi psicotici sono aumentati del 20% in più rispetto al periodo precedente. Questo è successo a persone ipersensibili e a persone predisposte a tale patologia. “Molti si sono ammalati durante e anche dopo essere guariti dal COVID. Molto spesso, si tratta di disturbi cognitivi come dimenticanza e confusione, e i primi episodi psicotici sono solitamente accompagnati da idee che non sono radicate nella realtà”, ha concluso la dottoressa.

https://mondo.rs/Magazin/Zdravlje/a1471822/depresija-pomoc-anksioznost-besplatni-broj.html

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top