Anche il prossimo anno gli esperti prevedono un’inflazione sopra la media

L’inflazione al consumo è al suo picco o quasi in questi mesi, con il tasso di inflazione su base annua in calo in Slovenia, Croazia e Serbia, e anche le tendenze in Bosnia ed Erzegovina e Macedonia del Nord indicano dinamiche simili, secondo gli analisti di “Bloomberg Adria”. L’attenzione è ora più concentrata sull’inflazione core (inflazione esclusa cibo ed energia), che è più un riflesso dei fattori della domanda, poiché i tassi di inflazione core si stanno avvicinando agli equivalenti principali.

La differenza tra i prezzi al consumo e quelli alla produzione rimane negativa, indicando una continua pressione sui margini di profitto dei rivenditori. Nonostante le recenti condizioni meteorologiche sfavorevoli nella regione, le tendenze globali continuano a mostrare un calo dei prezzi dei generi alimentari, poiché l’indebolimento dell’attività e alcuni effetti sull’offerta (ad esempio l’apertura delle esportazioni ucraine) si manifestano sui prezzi dei prodotti agricoli. Secondo gli analisti di “Bloomberg Adria”, le prospettive per l’inflazione sono tassi su base annua più bassi in futuro, principalmente a causa dell’elevata performance di base, dei programmi antinflazionistici del governo e di un generale indebolimento dell’attività economica. Hanno aggiunto che vediamo ancora un’inflazione al di sopra delle medie pluriennali dati gli effetti di spillover a lungo termine sugli elementi dell’inflazione core (categorie che sono guidate maggiormente dai fattori della domanda).

Nel complesso, gli analisti di “Bloomberg Adria” vedono ulteriori aumenti dei tassi di interesse da parte della Banca Centrale, che si concluderanno con tassi di interesse più elevati sui prestiti al settore privato. L’inflazione HICP in Serbia nell’agosto 2022 era del 12,8% su base annua. La Serbia ha registrato un aumento dell’inflazione rispetto a luglio, quando era del 12,5 per cento. Tra i motivi principali c’è la maggiore crescita dei prezzi di elettricità, gas e altri combustibili (+13,5% contro +8,6% di luglio 2022 a metà anno). Le pressioni inflazionistiche raggiungono il picco nel terzo trimestre del 2022. I tassi di inflazione su base annua diminuiranno alla fine del 2022 principalmente a causa di fattori di base elevati (base elevata dei tassi di inflazione nella seconda metà del 2021).

Le aspettative sui prezzi al consumo per i prossimi 12 mesi ad agosto sono scese a 50,4 punti, un valore inferiore al livello record del mese scorso, in linea con la decisione del governo di prorogare le misure antinflazionistiche per settembre. La Banca Nazionale serba ha alzato il tasso di interesse di riferimento di 50 punti base al 3,5 per cento e ha promesso che i tassi continueranno a salire fino al raggiungimento della traiettoria discendente dell’inflazione. Gli analisti di “Bloomberg Adria” prevedono un aumento di almeno un punto percentuale nei prossimi sei mesi. A settembre, il governo serbo ha esteso una serie di misure, come la limitazione dei prezzi di carburante, pane, latte e zucchero, nonché la limitazione dei prezzi dell’elettricità per le famiglie il che dovrebbe in qualche modo alleviare i previsti ulteriori aumenti dei prezzi alla fine del 2022 e all’inizio del 2023.

https://rs.bloombergadria.com/analiza/region/10204/regionalna-prognoza-inflacija-i-dogodine-iznad-proseka/news/

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top