Alle stelle i prezzi per i diritti del calcio internazionale in Serbia

I prezzi per i diritti per la trasmissione di eventi sportivi in ​​tutto il mondo sono rimasti allo stesso livello degli anni precedenti o sono aumentati dell’1-2%, ad eccezione di quelli per i Paesi dell’ex Jugoslavia, dove in alcuni casi sono aumentati dell’800% per colpa di “Telekom Serbia”, sostiene il direttore di “Sport Klub”, Nemanja Simeunović.

L’esperto sottolinea che la stessa “Telekom”, prima di destinare 600 milioni di euro alla Premier League, aveva acquistato anche i diritti per il campionato di calcio francese, che, al posto dei precedenti 600.000 euro a stagione, paga ora ben 5,5 milioni, mentre il prezzo di mercato reale sarebbe inferiore al milione di euro.

“Tutti guardano a questa regione con meraviglia e incredulità. Tali prezzi sono insostenibili per qualsiasi azienda che opera sul mercato; non è redditizio non solo per i Paesi balcanici, ma anche per Paesi molto più ricchi di noi, con un numero maggiore di abitanti e un prezzo di abbonamento più elevato ad utente. Sfortunatamente, ciò è possibile perché non c’è una sana concorrenza, insieme a un apparato statale che usa tutte le risorse disponibili per distruggerla. Abbiamo già segnalato questo precedente, che è consentito solo in Serbia, e ci aspettiamo che le autorità europee garanti della concorrenza ci rispondano e che i cittadini della Serbia ricevano una risposta su chi, per loro conto, ha approvato un tale esborso di soldi”, sottolinea Simeunovic.

L’accordo rappresenta un aumento dell’800% rispetto ai 600.000 euro annui del ciclo precedente 2018-21, quanto pagato da “Telekom Srbija”, proprietaria di “Arena Sport”. L’accordo supera di gran lunga il valore raggiunto in altri mercati chiave internazionali come Brasile, America Latina, Gran Bretagna e Germania, afferma “Sport business”, evidenziando che il gruppo concorrente “United Group” ha gareggiato senza successo con la “Telekom” per tali diritti.

Si afferma che questi non sono gli unici diritti il ​​cui prezzo è balzato alle stelle nei Balcani, in una situazione di intensa competizione tra “Telekom Srbija” e “United Group”, proprietaria del canale sportivo “Sport Klub”. All’inizio del 2021, la gara tra le due società ha portato a uno dei maggiori incrementi nel valore del pagamento dei diritti della storia, quando “Telekom Srbija” ha accettato di pagare una media di 100 milioni di euro a stagione per i diritti sulla Premier League inglese dal 2022-23 al 2027-28. La “United Group” paga ora circa 12 milioni di euro a stagione per le stagioni 2019-20 al 2021-22, ricorda “Sport business”.

La società “Infront” ha previsto un forte aumento anche per i diritti delle partite della Serie A italiana nei Balcani, per le quali “Telekom Srbija” ha accettato di pagare circa 25 milioni di euro a stagione dal 2021-22 al 2023-24 . Si tratta di un aumento del 400% rispetto a quanto “Telekom Srbija” aveva pagato nel precedente ciclo di tre stagioni, 5 milioni di euro a stagione. Per la Liga non c’è un balzo così impressionante, dato che l’accordo con “Telekom Srbija” vale circa 12,5 milioni di euro a stagione, un aumento di circa il 40% rispetto al ciclo precedente.

https://www.danas.rs/sport/telekom-placa-prenose-francuske-lige-55-miliona-umesto-dosadasnjih-600-000-evra/

Photo credits: “EPA-EFE/YOAN VALAT”

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top