Alle aziende serbe servono ancora aiuti dallo Stato

“Lo Stato dovrebbe ancora una volta aiutare le aziende più minacciate il cui fatturato o produzione sono stati ridotti di oltre il 50%”, ha affermato Nebojsa Atanackovic, presidente onorario dell’Unione dei datori di lavoro della Serbia. Queste sono spesso aziende del settore turistico, gestionale alberghiero, viabilità o di qualche altro ramo economico.

“L’aiuto è necessario perché la pandemia non si è conclusa a maggio, come previsto, così molte aziende sono rimaste senza alcun reddito”, ha detto Atanackovic.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Lo stesso ha aggiunto che sarebbe utile che lo Stato reagisca al più presto con misure rapide, simili a quelle contenute nel primo pacchetto di aiuti di Stato all’economia, che consisteva in tre salari minimi per i dipendenti, differimento fiscale e prestiti di liquidità.

Le società più a rischio, a seconda della possibilità di assunzione di prestiti statali, dovrebbero ricevere assistenza nei salari minimi netti per i dipendenti, e il pagamento delle imposte dovrebbe essere posticipato con la possibilità di cancellarlo se la società si trovasse in una situazione difficile.

Atanackovic ha anche aggiunto che dovrebbero essere prese in considerazione per la ripresa alcune misure di aiuto a lungo termine come nuovi incentivi in determinati settori.

“Alcuni anni fa, l’acquisto di macchine con i soldi dei profitti veniva calcolato come una spesa e non era tassato; questa misura dovrebbe essere reintrodotta per alcuni settori come l’industria IT e l’agricoltura”, ha sottolineato l’esperto, valutando come illogico, in una crisi economica, il regolamento sul pagamento della compensazione parafiscale per l’impatto dannoso delle aziende sull’ambiente, che ammonta a un massimo di due milioni di dinari all’anno per i grandi inquinatori.

http://rs.n1info.com/Biznis/a622352/Unija-poslodavaca-Drzava-treba-i-dalje-da-pomaze-najugrozenijim-firmama.html

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top